Computer e ombrellone, l’offerta delle Barbados per un anno. “Venite a lavorare da noi”

0
877 Visite

Venite tutti a lavorare in smart working da noi”. È l’offerta, indiscutibilmente allettante, che arriva da Barbados. Dove il turismo, che di norma rappresenta circa il 40% del Pil, è a picco causa coronavirus.

E così Mia Amor Mottley, la premier del piccolo stato legato al Commonwealth, ha annunciato il programma “Barbados Welcome Stamp”, che deve essere ancora finalizzato dal governo della celebre isola delle Piccole Antille ai Caraibi ma che sarà più o meno così: in pratica, gli stranieri potranno ottenere facilmente visti di addirittura un anno per lavorare da remoto per l’azienda del proprio Paese d’origine.
“Non siete costretti a lavorare in Europa, Stati Uniti o America Latina”, ha detto Mottley, citata dal quotidiano inglese Telegraph, “potete arrivare qui, magari restare due mesi, poi ripartire e ritornare nel corso dell’anno. Come volete”.

Così, secondo la premier, si unirebbe l’utile al dilettevole. Continuare a lavorare ma allo stesso tempo apprezzare le bellezze e il paesaggio locali, in un luogo che di solito non viene apprezzato pienamente proprio per i tempi ristretti di una vacanza normale.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03