Giudice di Pace di Marano, il Comune diserta la mediazione con i Cavallo. I commissari non hanno ancora capito nulla. Danno enorme per le casse dell’Ente.

0
1.719 Visite

Il Comune di Marano ha disertato la mediazione fissata davanti a un organo competente, proposta mesi fa dallo stesso ente, per raggiungere un accordo sulla struttura che ospita il Giudice di Pace. Immobile sorto sul terreno dei germani Cavallo, ai quali un tribunale ha riconosciuto – come forma di indennizzo per il mancato completamento dell’ìter dell’esproprio – oltre il 70 per cento dello stesso nonché diverse centinaia di euro a titolo di indennità di occupazione fino all’anno 2018. A nulla è valso il nostro appello: i commissari, che ancora si interfacciano con funzionari scelti dalla vecchia amministrazione, sciolta per camorra, non hanno ancora capito la gravità della cosa e il danno economico che sta subendo e subirà il Comune in dissesto finanziario.

La vicenda è stata narrata più volte ed è uno scandalo di dimensioni ciclopiche. Il Comune, anziché perdere tempo, dovrebbe subito trovare un accordo o riformulare le pratiche di esproprio. Se non si muoverà in tempo, rischieremo (come cittadini) di pagare a vita i signori Cavallo, tra cui Antonio, un tempo esponente di un partito della sinistra cittadina. E’ un danno erariale, ma nessuno si scompone.

© Copyright Fernando Bocchetti, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti