Omicidio Fortuna: l’assassino Raimondo Caputo è positivo al Covid. Processo rinviato

0
334 Visite

CAIVANO – E’ stato rinviato il processo che vede coinvolti Raimondo Caputo e Marianna Fabozzi, responsabili della morte di Antonio Giglio, di 4 anni, e della piccola Fortuna Loffredo. Il motivo del rinvio è dipeso dalla positività al Covid di Raimondo Caputo, l’assassinino della piccola Fortuna di soli sei anni. Il 24 giugno 2014, il corpo lieve della piccola, precipita dall’ottavo piano di un edificio del comprensorio residenziale Parco Verde di Caivano, in provincia di Napoli.

La morte di Fortuna viene inghiottita dall’omertà assoluta che si scopre caratterizzare gli abitanti di Parco Verde: nessuno ha visto niente, nessuno sa perché e come Fortuna sia arrivata a cadere da una finestra dell’ottavo piano. Anni dopo, il coraggio di alcuni bambini, amici di Fortuna, ha permesso di condannare per omicidio e violenza sessuale Raimondo Caputo, inquilino di Parco Verde, e di far emergere un atroce giro di abusi su minori che per anni si era sviluppato, indisturbato, tra le mura di quegli appartamenti.

La prossima udienza, dunque, si terrà il prossimo 9 febbraio dinanzi alla seconda sezione della Corte di Assise di Napoli. L’uomo è in carcere in quanto condannato in via definitiva all’ergastolo per l’omicidio della piccola Fortuna Loffredo. Insieme con la ex compagna, Marianna Fabozzi, è imputato in questo processo: lui per favoreggiamento e lei, madre di Antonio, per l’omicidio volontario aggravato del figlio.

 

 

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03