L’odissea di una 62 enne: in poche ore tampone negativo presso un centro privato, positivo al Cardarelli

0
2.811 Visite

Tampone negativo la mattina, effettuato presso un laboratorio privato, ma positivo il pomeriggio secondo quanto rilevato dai medici del Cardarelli. E’ la disavventura di una donna di 62 anni, residente a Secondigliano, che da giorni è alle prese con sintomi riconducibili al Covid: lieve febbre, vomito, il tutto associato però anche una perdita di sangue. Contattato il medico di base, la donna ha gestito – secondo i consigli del medico – la situazione con i soliti farmaci (tachipirina e zitromax) che vengono prescritti ai malati Covid con sintomi lievi.

Sintomi che inducono la famiglia della donna, in assenza di comunicazione da parte dell’Asl, ad eseguire un tampone (al costo di 62 euro) presso un laboratorio privato. Esito negativo e sospiro di sollievo, anche se le perdite di sangue (dalla parte anale) non si arrestano. Da qui la necessità di recarsi anche negli ospedali napoletani, quasi tutti pieni (soprattutto casi Covid) o impossibilitati a ricoverarla. Al Cardarelli viene sottoposta al sierologico che dà subito esito positivo. Il successivo tampone conferma tutto: è positiva. Solo poche ore prima il laboratorio aveva certificato l’inverso. La donna non viene ricoverata (le dicono che è meglio stare a casa con quei sintomi) e ora i suoi familiari, quelli che erano stati a contatto con lei dopo primo responso negativo, dovranno sottoporsi ai test. E dovranno attendere l’Asl, per giorni, se mai dovessero essere chiamati. “Dai privati, dicono, non ci recheremo più: soldi buttati”.

© Copyright Fernando Bocchetti, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03