Buste paga più pesanti? Draghi e i 600 euro in più: di cosa si tratta

0
1.103 Visite

In un Paese come l’Italia dove, secondo i dati Ocse, negli ultimi 40 anni il valore reale dei salari e dei redditi è diminuito del 2,9%, è possibile migliorare il potere d’acquisto senza generare nuova spesa pubblica a debito? La risposta è sì; non sarà un passaggio semplice, ma la strada è stata tracciata dal governo Draghi, un’autostrada se i vincitori delle prossime elezioni politiche la vorranno percorrere. Certo occorrerà cambiare mentalità: vanno modernizzati i contratti di lavoro e quindi l’approccio di sindacati e imprese; deve mutare la politica fiscale e contributiva secondo la quale tutto ciò che si guadagna dev’essere soggetto a tasse e contributi e soprattutto si dovranno accantonare le irrealizzabili promesse dei vari partiti politici.

Tra decontribuzione e flat tax

Stesso discorso per la proposta di Berlusconi che dopo i mille euro al mese di pensione per tutti (costo oltre 30 miliardi ogni anno) e dopo i mille euro a mamme e nonne (ogni milione di mamme e nonne costerebbe 13 miliardi e se fossero anche solo tre facciamo il botto), propone la decontribuzione totale per i primi due anni per tutti i giovani assunti (fino a che età?) che costerebbe quasi 8 miliardi considerando solo i redditi fino a 25 mila euro lordi. Insomma, il Cavaliere ha fatto promesse per una ottantina di miliardi, oltre 100 con la flat tax: mica male.

Il cuneo fiscale

Anche sindacati e Confindustria, accortisi che il fantomatico cuneo fiscale non esiste almeno per oltre il 70% dei redditi degli italiani, si sono buttati a capofitto nella richiesta di «decontribuzione» in quanto nessuno dei due richiedenti vuole assumersi l’onta di ridurre le pensioni e le conquiste sociali quali le prestazioni di maternità, malattia, infortuni, disoccupazione, ex Anf (assegni al nucleo familiare) che determinano per ogni 100 euro netti in busta paga, un costo di 150, che diventano circa 220 considerando i benefici contrattuali (13° e 14° mensilità, premi di produzione, Tfr, banca delle ore, ferie, festività, previdenza complementare, permessi e altro). Forse i proponenti non sanno che già oggi le 22 forme di decontribuzione costano 24 miliardi l’anno di cui il 65,6% del totale per il Mezzogiorno, 21,2% per gli apprendisti, 5,8% e 4,8% rispettivamente per gli under 35 e le donne (dati Inapp).

I «600 euro» di Draghi

Come dicevamo il governo Draghi con l’articolo 12 del decreto legge n. 115/2022, (il decreto Aiuti bis) ha previsto che le somme versate dal datore di lavoro ai lavoratori esentate dal pagamento di contributi sociali e imposte previste all’articolo 51, comma 3, del Testo unico delle imposte sui redditi nel limite di 258,23 euro, per l’anno 2022 vengano elevate a 600 euro ed erogate in modo semplice e diretto come «rimborsi da parte del datore di lavoro per il pagamento delle bollette di acqua, luce e gas». Si tratta di 600 euro deducibili per il datore di lavoro e netti per il lavoratore e che non generano alcun incremento di pensione non essendo assoggettati a contribuzione.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03