Pensioni, da ottobre piccoli incrementi. La simulazione della Uil

0
656 Visite

Con il decreto Aiuti bis approvato dal consiglio dei ministri le pensioni aumenteranno. L’obiettivo è infatti contrastare gli effetti negativi dell’inflazione per l’anno 2022 e sostenere il potere di acquisto delle prestazioni pensionistiche. Due gli interventi messi in campo: l’anticipazione al 2022 del pagamento del conguaglio sull’inflazione, che vale lo 0,2 per cento dell’importo della pensione e che solitamente viene pagato a inizio 2023, e, dal 1 ottobre 2022, la rivalutazione del 2 per cento delle pensioni di importo fino a 35 mila euro lordi l’anno. “Si anticipa di un trimestre – ha spiegato il ministro dell’Economia Daniele Franco in conferenza stampa – la rivalutazione che sarà operativa da inizio dell’anno prossimo”. Ecco quanto aumenteranno, in euro, le pensioni.

La simulazione della Uil: aumenti da 10 a poco più di 50  euro il mese
Con l’anticipo della rivalutazione al 2 per cento, le pensioni aumenteranno, facendo un calcolo veloce, di circa 10 euro lordi il mese ogni 500 euro lordi di pensione percepita. A fare la simulazione è stata la Uil, che elaborando i dati Inps sull’osservatorio pensioni, ha calcolato che la pensione media di 952 euro al mese aumenterà di 19 euro al mese per 4 mesi (ottobre, novembre, dicembre e tredicesima 2022). L’aumento sulla pensione minima di 524 euro lordi al mese sarà invece di 10,49 euro lordi mensili, mentre su una pensione di 2.662 euro lordi l’incremento mensile sarà di 51, 39 euro lordi.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03