Morto il “Secco”, il cassiere della Banda della Magliana

0
614 Visite

Enrico Nicoletti, 84 anni, è morto ieri affetto da gravi problemi di salute. Era il cosiddetto ‘cassiere’ della Banda della Magliana. Figura ripresa anche da fiction tv con un personaggio, il ‘Secco’, insieme ad altri, di Romanzo Criminale.

Enrico Nicoletti era di origine ciociara e da giovane era un carabiniere. Un soprannome, quello di ‘cassiere’ della Banda della Magliana, che negli anni ha sempre rifiutato, come ha rinnegato di aver ricoperto un ruolo all’interno dell’organizzazione criminale.

Nicoletti accusato di aver gestito i capitali della Banda della Magliana ed era finito in manette per la prima volta nel luglio del 2011, con l’accusa a suo carico del reato di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di millantato credito, truffa, usura, falso, riciclaggio e ricettazione. Due anni più tardi era uscito dal carcere ed era stato trasferito ai domiciliari, a causa delle sue condizioni di salute.

Nicoletti era “il collettore di più mondi criminali, con collegamenti indubbi con la politica e la pubblica amministrazione. Chiaramente aveva un tasso criminale molto elevato – spiega all’Adnkronos sottolinea il magistrato Otello Lupacchini, che ha svolto indagini sulla Banda della Magliana – Con lui muoiono probabilmente segreti che si porterà dietro per le attività che ha compiuto, a partire dall’intervento che ebbe nell’ambito del sequestro Cirillo per il pagamento del famoso riscatto. E tanto altro. Aveva rapporti con tutti – racconta Lupacchini – con la ‘ndrangheta, con i napoletani, con la Banda della Magliana e associati. Una volta riuscì nell’impresa di mettere intorno ad un tavolo i capi di camorra, mafia, ‘ndrangheta e Magliana”.

 

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03