Sant’Antimo, inchiesta Antemio: Antimo Cesaro va ai domiciliari

0
Assolta
641 Visite

Ha ottenuto gli arresti domiciliari a Roma, Antimo Cesaro, fratello del senatore di Forza Italia, Luigi. A deciderlo è stato il tribunale del Riesame di Napoli a cui hanno fatto istanza i suoi legali Claudio Botti e Fabio Fulgeri, per ottenere una revisione della misura cautelare. Revisione che il tribunale ha concesso all’imprenditore disponendo la custodia agli arresti domiciliari. Antimo Cesaro è stato coinvolto nell’operazione denominata “Antemio” nella quale sono stati arrestati anche i fratelli Aniello e Raffaele mentre per il fratello Cesaro la direzione distrettuale antimafia si è riservata di produrre una richiesta d’arresto con una documentazione a parte.

Cesaro finisce come altri due fratelli ai domiciliari e deve rispondere del reato di concorso esterno in associazione mafiosa. Al centro dell’inchiesta, i suoi rapporti con esponenti di spicco del clan Puca di Sant’Antimo. Per la procura antimafia, il centro Igea di cui era proprietario era di fatto gestito insieme al clan che reimpiegava così capitali illeciti in cambio di “protezione” sul territorio. Una protezione che Cesaro ha detto di aver pagato sotto forma di estorsione da parte del clan e negando qualsiasi coinvolgimento con le attività criminali della cosca.

 
© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03