Il Comune di Marano mette a bando due beni confiscati: la casa di Del Core e un appartamento dei Polverino

0
7.436 Visite

Il Comune di Marano mette a bando altri due beni confiscati alla camorra. Entrambi saranno assegnati ad associazioni che risponderanno all’avviso pubblico che l’ente cittadino si appresta a pubblicare. Il primo bene è una villa di via Del Mare, confiscata alla famiglia Polverino, dotata anche di piscina. Per questo bene, che dovrebbe ospitare minori svantaggiati, il comune ha già chiesto un finanziamento alla Regione per un intervento di restyling non procrastinabile.

Il secondo bene è l’appartamento di via Recca un tempo nelle disponibilità di Armando Del Core, alias ‘o pastore, uno dei killer del giornalista Giancarlo Siani. Il bene sarà destinato all’emergenza abitativa. L’associazione che si aggiudicherà la selezione sceglierà quale nucleo familiare o soggetti svantaggiati, a reddito zero o bassissimo reddito, consegnare la casa che potrà essere occupata per almeno 7 anni.

Il Comune, da qualche settimana, sta accelerando su sgomberi di beni abusivi acquisiti al proprio patrimonio e beni confiscati da tempo nelle disponibilità dell’ente cittadino. Le sollecitazioni della Procura e qualche “richiamo” dei carabinieri di Castello di Cisterna, intervenuti in alcune vicende forse non gestite al meglio, pare stiano sortendo gli effetti sperati.

© Copyright Fernando Bocchetti, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03