Napoli, Polizia urbana e attività commerciali: presto in Consiglio i nuovi regolamenti  

0
699 Visite

È giunto a conclusione il percorso istruttorio dei regolamenti di polizia urbana e per la serena e civile convivenza tra cittadinanza e attività commerciali. Oggi, nel corso della riunione della commissione Polizia Locale e Legalità, presieduta da Pasquale Esposito, gli assessori alla Polizia Locale Antonio De Iesu e alle Attività Produttive Teresa Armato hanno illustrato il lavoro svolto in questi mesi insieme alla commissione, alle Municipalità, alle associazioni di categoria e ai rappresentanti dei residenti nelle zone maggiormente interessate dalla “movida” cittadina. Prima di portare i regolamenti in Consiglio comunale, sarà completato l’esame degli emendamenti presentati dai consiglieri.
Insieme alle disposizioni del regolamento rivolto alle attività produttive, che fanno riferimento ad una serie di azioni volte a garantire la convivenza civile, dallo spazzamento delle aree antistanti gli esercizi pubblici alla definizione delle misure per contenere rumori molesti e garantire più efficaci controlli sul rispetto degli spazi occupati, ha spiegato l’Armato, si lavora alla definizione di un disciplinare di linee guida per tavolini e dehors.
La ricerca di un punto di equilibrio tra libertà di cittadini e turisti di godere degli spazi all’aperto e diritto alla serenità passa per la condivisione con gli imprenditori, ha ricordato l’assessore De Iesu, spiegando che il Comune è chiamato a rispettare la normativa nazionale in materia di libertà imprenditoriale e non può quindi prevedere limiti orari, ma solo far rispettare le norme sulla vendita di alcol, in particolare ai minori. Rispetto alla prima stesura, che raccoglieva anche regole già scritte dalla precedente Amministrazione, la formulazione finale del regolamento è più essenziale, incentrata sugli aspetti della tutela del decoro e di una fruizione sicura degli spazi urbani e degli edifici pubblici e privati.
Sergio D’Angelo (Napoli Solidale-Europa Verde) ha apprezzato lo sforzo di adottare una soluzione improntata al massimo equilibrio possibile, auspicando la previsione di sanzioni equilibrate; ha ricordato, poi, la proposta di emendamenti del suo gruppo che prevedono le figure della consulta e del garante della notte.
Alessandra Clemente (Misto) si è detta soddisfatta per la proposta di regolamenti dal contenuto nettamente diverso da quello dell’ordinanza ormai scaduta. La città è cambiata e la percezione della sicurezza va assicurata dai servizi pubblici come la pulizia, il trasporto pubblico e la presenza delle forze dell’ordine. Le Municipalità e la Polizia Locale vanno sensibilizzate rispetto a linee guida che garantiscano il diritto dei pedoni al libero passaggio.
Iris Savastano (Forza Italia) ha auspicato un dibattito nel merito degli emendamenti e chiarimenti rispetto alle strategie per il rispetto e l’attuazione delle regole fissate.
Per Massimo Cilenti (Napoli Libera) il lavoro intelligente sui regolamenti ha messo in luce la necessità di fissare regole chiare e condivise con gli operatori del settore; quella che va assolutamente garantita, però, è la libertà di movimento delle persone, in particolare quelle diversamente abili.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03