Bacoli, Il Pappice: “Falcone, Borsellino e il Sindaco della legalità”

0
345 Visite
Oggi la villa “nuova” sarà dedicata a G. Falcone e P. Borsellino.
Sarebbe potuta essere una cerimonia unitaria se solo non l’avessero trasformata in una parata di partiti e di presenzialisti.
Dinanzi a senatori, sindaci, autorità andrà in scena la nuova puntata della saga del “Sindaco della legalità”.
Un’epopea di cui ricordiamo alcuni episodi.
Anno 2013: il Sindaco abbandona la lista in cui era stato eletto consigliere per essere nominato presidente di commissione coi voti del PDL. Si iscrive poi a DeMa, si candida con LeU, corteggia deputati PD e consiglieri M5S.
Anno 2014: incendio alla salumeria dell’allora consigliere. Si grida all’attentato di camorra con tanto di cortei e solidarietà. Si scoprirà poi trattarsi di una lite condominiale sfociata in dispetto.
Anno 2015-6: eletto Sindaco, con familiari e consiglieri, raccoglie fondi per la festa patronale – affidata a privati – senza fatture o rendiconto. Questo uno dei motivi per cui metà dei suoi consiglieri lo sfiduciano: il Sindaco attribuisce la cosa ai “poteri forti”.
Anno 2019: rieletto Sindaco, riceve una telefonata anonima lui ed il suo Vice. Di nuovo cortei e solidarietà. Si trattava dello scherzo di un noto giovane con problemi mentali.
Anno 2020: lite interna alla maggioranza che si rinfaccia accuse di interessi personali e spartizioni della cosa pubblica. Il Sindaco minimizza: in politica – sostiene – “situazioni grigie” sono normali.
Anno 2021: il Sindaco revoca il suo Vice. Motivo: un fuorionda – grave – di un consigliere cui si chiede il prezzo per “cacciare” una persona. Non vengono fatti nomi ma il Sindaco pensa a sé stesso e sostiene che i “poteri forti” siano tornati.
Adesso la coalizione – votata dai cittadini – si è sfaldata ed il Sindaco amministra grazie a transfughi d’opposizione e la forza di bilanci pezzotti ed affidamenti di beni ad associazioni amiche.
La legalità però non è una carriera istituzionale, una passerella politica, una retorica ipocrita: non funziona a giorni alterni.
La legalità è rigore – regolarità amministrativa e di gestione – coerenza di comportamenti e se necessario, sacrifici.
Questo è l’insegnamento di coloro che sono morti e cui stasera dedicheremo la Villa.
 
Bacoli, 16/07/2021

Associazione Il Pappice

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03