BACOLI, IL PAPPICE: “CENTRO ITTICO, ANCORA FUMATA NERA”

0
401 Visite

Sulla scelta del nuovo Amministratore del “Centro ittico campano” la maggioranza ha ripetuto – nell’assise del 13 maggio – la stessa cantilena: ci siamo quasi intanto abbiamo fatto il bando.
Premesso che non si tratta di un “bando” perché non c’è né commissione né selezione: semplicemente i curricula sono inviati al Sindaco che sceglie fra questi e senza dar conto a nessuno.
Diversamente però dall’avviso per la “Flegrea Lavoro” – riaperto tre volte – quello del CIC è stato definitivamente chiuso il 15 gennaio.
In 4 mesi il Sindaco non è stato capace di trovare un candidato a lui gradito fra i 32 che si sono presentati ?
Oppure il Sindaco omette un particolare: il suo avviso riguarda l’Amministratore del CIC che oggi è gestito però da un Commissario perché in stato di liquidazione.
Perché l’avviso divenga operativo bisognerebbe che il CIC esca dalla liquidazione e torni in attivo: a tal fine il Consiglio del 16 settembre 2020 ha rinunciato a 2.358.679,2 euro di IMU-ICI che il CIC doveva al Comune.
Dopo un anno però questa conciliazione non è stata ancora firmata.
Il Sindaco ha messo il CIC in liquidazione – assise del 31 luglio 2015 – il Sindaco può toglierlo, il Sindaco ha confermato il commissario D. Oriani, il Sindaco può revocarlo.
D. Oriani che in questi giorni è scomparso nonostante – una per tutte – la questione dei parcheggi che insistono proprio sui terreni del CIC: D. Oriani il “grande assente” !

Bacoli, 19/05/2021

Associazione Il Pappice

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03