Inchiesta ambulanze Croce San Pio, Borrelli: “Dopo blitz polizia autorizzazione sanitaria va rimossa, perché assessore comunale dice di non sapere nulla?”

0
660 Visite

“L’inchiesta realizzata da Fanpage sulle ambulanze della Croce San Pio di Marco Salvati ha confermato, se ancora ce ne fosse bisogno, quello che denunciamo da anni, ovvero un sistema di trasporto pazienti portato avanti con metodi camorristici. Denunciamo da anni questa assurda situazione, fatta di sopraffazione e minacce nei confronti dei competitor, costretti a non lavorare per non subire ‘punizioni’. Grazie anche alle nostre segnalazioni, nel novembre del 2020 ci fu un blitz della polizia nella sede della Croce San Pio, dove furono scoperti un allaccio abusivo alla rete elettrica, lavoratori in nero e ambulanze abusive senza assicurazione. Materiale utile a far decadere l’autorizzazione sanitaria che viene rilasciata dal Comune, che dura 4 anni a patto che vengano rispettate tutte le regole . Eppure nell’inchiesta di Fanpage l’assessore competente dice di “non sapere nulla” del blitz dello scorso novembre uscito su tutti i giornali, che certifica, appunto, come le regole non siano state rispettate. Come è possibile? Come fa a non saperne niente? La relazione della polizia su quel blitz non è arrivata o è stata nascosta? Chiediamo quindi un’indagine interna per approfondire la questione e, soprattutto, la revoca immediata dell’autorizzazione sanitaria alla Croce San Pio”. Lo ha detto Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale di Europa Verde, commentando l’inchiesta sulle ambulanze abusive condotta da Fanpage anche sulle sue denunce che vanno avanti da anni.

VIDEO: https://youmedia.fanpage.it/video/aa/YDyYtuSww_IAe9PL

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03