Scuola e zona rossa, ancora De Luca: “In Campania c’è la zona rosé. Le scuole difficilmente riapriranno a breve”

0
1.684 Visite

De Luca ha affrontato anche altri aspetti. Sulla zona rossa è stato categorico: “Altro che zona rossa, la nostra è una zona rosé. I controlli? Lasciamo stare”. Sulle scuole ha fatto capire che potrebbero, con ogni probabilità, non aprire il 23. “Se apriranno, ma è probabile che non lo faremo, lo faremo solo in presenza di serie e rigorose rassicurazioni sanitarie”. Sulle proteste dei genitori: “Prima qualche sparuto gruppo non voleva far chiudere, ora la stragrande maggioranza dei genitori ci chiede di non riaprire”. E ancora: “La zona rossa andava fatta ad ottobre e in tutta Italia. Le divisioni tra i territori non servono, perché non c’è possibilità di controllo di aree tanto vaste”.

Ecco parte dei punti salienti del discorso di De Luca nella consueta diretta del venerdì, sull’andamento della situazione Covid in Campania. “Abbiamo fatto in Campania un grande miracolo: uscita dal commissariamento, abbiamo un piano ospedaliero, piano del personale, 800 assunzioni a novembre dello scorso anno. I dati delle terapie intensive di ieri sono questi: in Campania 194  persone ricoverate in terapia intensiva , 115 Lombardia, 279 Veneto, 244 Emilia, 329 Lazio, 287 Toscana, Puglia 200 e così via. Dato significante che abbiamo fatto un miracolo in Campania, grazie ai 646 posti di terapia intensiva. Oggi stiamo lavorando per i dati. Avete visto che hanno istituito la zona rossa, ma quale zona rossa? si dovrebbe controllare lo spostamento tra comuni, zona rosé direi. Bando per selezionare medici specializzati, abbiamo avuto questo bando riservato alla Campania. Hanno partecipato 157 medici, 27 anestetisti e 35 pneumologi, se i dati vengono confermati è significativo rendere operativi altri posti di terapie intensive. Stiamo lavorando sulle scuole, c’è l’ordinanza che prevede l’ apertura di asili e elementari, ma abbiamo subordinato questa apertura al dato epidemiologico. Abbiamo un ondata di richieste per non aprire, non apriremo nulla se non avremmo la sicurezza dal punto di vista epidemiologico. Tutelare la vita dei bambini, famiglia e compagini di scuole, quindi è possibile che non si riapra quando abbiamo previsto di aprire. Non apriremo nulla se non abbiamo condizioni di assoluta tranquillità”

 

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03