L’angolo della spiritualità: il Buddhismo

0
292 Visite

E’ una delle religioni più antiche e più diffuse al mondo, e oggi conta su circa 300 milioni di praticanti. Il Buddhismo è una religione, ma anche un pensiero filosofico e una dottrina di vita. Alla base di questo pensiero c’è l’altruismo, il non attaccamento ai beni materiali, la compassione e la pace interiore, in modo da percorrere la Via dell’Illuminazione secondo gli insegnamenti del Buddha.

Basato sulla ricerca della Via che porta alla liberazione dalle condizioni di sofferenza in cui vivono tutti gli esseri umani, il Buddhismo è una religione di pace interiore ed esteriore, di profonda compassione e rispetto, di dialogo e pazienza. Al contrario di altre religioni, il Buddhismo non si concentra sull’esistenza di un Dio, ma segue un percorso di ricerca interiore volto a investigare se stessi e il mondo esterno, attraverso la meditazione. Ciò che deriva da questa ricerca ha un valore liberatorio, perché ti aiuta a eliminare le emozioni negative, causa di ogni tipo di sofferenza. Lo sviluppo della compassione e dell’amore verso gli altri è molto importante, così come dell’altruismo e del non attaccamento ai beni materiali.

Il Buddhismo è sorto in India, nel VI secolo a.C.. È il periodo in cui l’uomo inizia interrogarsi sui grandi misteri della vita: la vita e la morte, l’origine del bene e del male. Le testimonianze storiche sulla vita del Buddha sono piuttosto scarse e poco affidabili, ma alcune scoperte archeologiche fanno pensare che il fondatore del Buddhismo sia nato nel Nepal meridionale, a Lumbini, intorno all’anno 565 a.C..

Ci sono poi alcuni insegnamenti centrali del Buddha, conosciuti come le Quattro Nobili Verità, fondamentali nel percorso verso l’illuminazione, che sono:

  • la verità della sofferenza: la vita comporta sofferenza (vecchiaia, malattia e morte).
  • la verità dell’origine della sofferenza: l’origine della sofferenza è nell’intenso desiderio verso i piaceri sensuali o nel volere che le cose siano diverse da quello che sono
  • la verità della cessazione della sofferenza: la sofferenza termina con la cessazione del desiderio. Così si ottiene l’illuminazione, il Nirvana, ossia il totale abbandono dell’illusione che ci sia un sé o anima durevole e indipendente. Una persona illuminata è chiamata Arahant.
  • la verità del sentiero verso la cessazione della sofferenza: l’illuminazione si ottiene con un addestramento graduale.
© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03