“E’ stata la mano di Dio”, Sorrentino sospeso tra Fellini, Troisi ed Eduardo

0
506 Visite

LA TRAMA
Paolo Sorrentino rievoca la sua adolescenza a Napoli  negli anni 80. Segnata dalla morte, atroce e improvvisa dei genitori. Ma anche  dall’arrivo di Maradona che segnò un’epoca per i partenopei.

PERCHÈ VEDERLO
Perché Sorrentino certamente vuole essere il Fellini in chiave moderna. E dobbiamo dire che ci riesce. In questo suo Amarcord napoletano, se non supera Fellini, probabilmente sorpassa Eduardo. Il regista premio Oscar mette probabilmente un’ipoteca sulla statuetta  del 2022. Sa raccontare (lo sapevamo, ma è una robusta conferma). Con lui Luisa Ranieri s’impone imprevedibilmente e prepotentemente come sex Symbol a un’età in cui tante s’aggrappano al botulino.

Durata: 2 ore e 10 minuti.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03