Sexcetera, il sesso tantrico e gli antichi insegnamenti dei saggi indiani e tibetani

0
766 Visite

L’orgasmo tantrico si basa sulla continenza sessuale, ovvero: lui non deve eiaculare e lei non deve avere un orgasmo esplosivo.
Come spiegano con una pagina dedicata su TantraItalia, gli insegnanti della scuola TantraYoga di Bologna, che si ispirano agli insegnamenti tradizionali, tramandati dai saggi dell’India e del Tibet, «a differenza dell’orgasmo tradizionale, in cui l’uomo arriva al punto di non ritorno, eiacula e la sua sessualità crolla, nell’orgasmo tantrico l’uomo, subito prima del punto di non ritorno applica le tecniche per la continenza riuscendo ad avere un orgasmo senza eiaculazione». Questa esperienza può aprire la porta a nuove, potenti sensazioni, facendo sì che subito dopo il primo orgasmo ne seguano altri, in una condizione di benessere multi-orgasmico.
Sembra complicato, eppure quest’onda tantrica può durare ore, un lungo spazio di tempo in cui entrambi gli amanti possono continuare ad avere orgasmi implosivi senza eiaculazione e senza perdita di energia.

Appare chiaro che sperimentare questo tipo di orgasmo renderebbe l’orgasmo tradizionale, caratterizzato da piacevoli contrazioni eiaculatorie ma anche da una successiva fase di down e di stanchezza, decisamente meno interessante.

Se l’idea di provarlo vi ha già conquistato, sappiate che vi sono però alcuni requisiti importanti per poter approcciare e praticare in modo efficace il sesso tantrico: avere una mente aperta, essere curiosi e – non da ultimo – sapere amare con sincerità.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03