Cinque milioni di voti in più in cinque anni: il trend di Fratelli d’Italia alle Europee

0
340 Visite

Nel maggio 2019 una pandemia che paralizzava il mondo era solo un’ipotesi da film da fantascienza, era impensabile una guerra alle porte dell’Europa con il coinvolgimento della Russia ed era arduo immaginare Giorgia Meloni premier.

In Fratelli d’Italia si aspettavano le Europee con moderato ottimismo, con l’obiettivo dichiarato di di superare l’asticella del quorum del 4%: FdI ottenne il 6,46 per cento e al comitato elettorale in via di Ripetta si brindò tutta la notte. Sono passati cinque anni, quasi un’era geologica in politica, che segna anche un cambio di passo straordinario per il partito di Giorgia Meloni.

Rispetto a quella tornata elettorale delle Europee, Fratelli d’Italia guadagna addirittura cinque milioni di voti, un numero impressionante. Il primo partito di quella tornata elettorale, la Lega di Matteo Salvini di voti ne perde 7 milioni. Mentre il Pd, nonostante il risultato in percentuale più alto, cala nel numero di voti assoluti rispetto a quelle elezioni.

Le europee incoronano Fratelli d’Italia primo partito nel Paese e in quattro circoscrizioni su cinque a parte il Sud dove a prevalere è il Pd. Nella circoscrizioni Nord Ovest, Nord Est e Centro – secondo una elaborazione YouTrend – il partito della Meloni ruba lo scettro alla Lega che aveva dominato nel 2019 mentre nel 2014 il primo partito era il Pd.

Nella circoscrizione Sud il Pd risulta il primo partito tornando a conquistare il primo posto dopo che nel 2019 era di M5s e nel 2014 del Pd. Nella circoscrizione Isole Fratelli d’Italia diventa il primo partito mentre nel 2019 questa posizione spettava a M5s e nel 2014 al Pd. Fratelli d’Italia nella sua crescita generalizzata è diventato un partito più a trazione settentrionale. Il 55% dei suoi voti arriva dalle circoscrizioni Nord Est e Nord Ovest, nel 2019 solo 45% dei suoi consensi arrivata dalle aree settentrionali.

FdI primo tra gli over 30

Secondo i dati dell’instant poll di YouTrend per SkyTG24, Fratelli d’Italia è anche il primo partito fra gli over30. Il partito di Giorgia Meloni raggiunge i suoi massimi consensi fra gli over70, dove però è poco avanti al Partito democratico. Il vantaggio di FdI sul Pd matura nelle fasce d’età fra i 30 e i 70 anni.

Il Pd prima forza solo nella fascia 18-29 anni

Nell’elettorato giovane invece è il Pd la prima forza, appena sopra Movimento 5 Stelle e Alleanza Verdi-Sinistra. Tra i 18 e i 29 anni – emerge dal dato – il Pd è primo al 18%, seguito da M5s al 17% e da Avs al 16% ed FdI è al 14%. Tra i 30 e i 44 anni FdI è primo con il 26% seguito dal Pd al 21% e da M5s al 14%. Tra i 45 e i 59 anni FdI è al 28% e il Pd al 19%; tra i 60 e i 69 anni FdI è al 26% e il Pd al 21% negli over70 FdI è al 29% e il Pd al 28%.

Relativamente al peso dei partiti nelle grandi città italiane alle elezioni europee, c’è da sottolineare come Fratelli d’Italia abbia riportato Roma e Catania al centrodestra, mentre il Partito democratico riconquista Bari e Napoli. Il M5s, che a queste ultime elezioni ha registrato un crollo nei consensi, resta invece in testa Palermo. I Dem continuano inoltre a guidare Bologna, Firenze, Milano, Torino, Genova.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti