Missili cinesi verso lo Stretto di Taiwan. Taipei attiva i sistemi di difesa

0
396 Visite

La reazione cinese alla visita di Nancy Pelosi a Taiwan è arrivata. A nemmeno 24 ore dalla partenza della speaker della Camera americana, arrivata nella repubblica ‘ribelle’ per manifestare la sua “vicinanza alla democrazia”Pechino mostra i muscoli e con il suo esercito lancia razzi in direzione dello Stretto di Taiwan. Il tutto è avvenuto poco dopo l’inizio delle più grandi esercitazioni militari mai fatte dalla Cina intorno all’isola indipendentista. Giornalisti della Afp si trovano sull’isola cinese di Pingtan, vicina alle manovre in corso, e secondo la loro testimonianza i proiettili sono stati sparati da siti vicini a installazioni militari. Una rappresaglia cinese per la visita di Pelosi che il ministro degli Esteri cinese Wang Yi aveva già definito un’azione “maniacale, irresponsabile e altamente irrazionale” da parte di Washington. Gli ha fatto eco il portavoce dell’Ufficio per gli affari di Taiwan del governo di Pechino, Ma Xiaoguang, secondo il quale il blitz della speaker “non è una difesa della democrazia e della libertà, ma una provocazione e una violazione della sovranità e dell’integrità territoriale della Cina”. Pertanto, mentre sono in concorso le maxi manovre militari intorno all’isola, “prendere le contromisure necessarie è una mossa giusta”. L

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03