Lanzotti pigliatutto, Manfredi offre la I Municipalità agli ex forzisti. Ex dirigente Arsan al bivio tra Azzurri per Napoli e Napoli Libera

0
3.008 Visite

Napoli, 3 agosto– L’emorragia di personale politico che dal centrodestra passa al centrosinistra, per la precisione nella Große Koalition alla napoletana messa in piedi dall’ex rettore e ministro- oggi candidato sindaco- Gaetano Manfredi, prosegue senza sosta. A risentirne di più è sicuramente Forza Italia. Per due motivi essenzialmente: la presenza nel campo avverso di una lista rifugio per gli ex forzisti, che in termini politologici potrebbe essere definita come un cartello di moderati di centrodestra, quegli “Azzurri per Napoli” del consigliere comunale uscente Stanislao Lanzotti; il secondo motivo consiste nella maggior attrattiva, ai fini di un’ipotetica vittoria, della coalizione di Manfredi in questa particolare fase della campagna elettorale. Ebbene, da fonti del centrosinistra risulta che la già candidata al consiglio comunale di Forza Italia nel 2016, Sara Caropreso, sia pronta a candidarsi in una lista della coalizione dell’ex rettore della Federico II. Si parlerebbe, infatti, di un imminente approdo in Napoli Libera, lista civica deluchiana, o in alternativa in Azzurri per Napoli– che ha ormai la lista per il Consiglio Comunale blindatissima con 54 persone disponibili a candidarsi- nelle vesti, però, di Responsabile delle Politiche Sanitarie.

Caropreso, infatti, è stata Direttore Ricerca e Innovazione dell’Arsan- la vecchia Agenzia Regionale Sanitaria della Campania, rottamata dal governatore De Luca- ai tempi della Giunta Caldoro, ed è molto vicina all’ex assessore alla sanità dell’ex governatore regionale Antonio Bassolino– oggi nuovamente in corsa per Palazzo San Giacomo- ed ex direttore Arsan, Angelo Montemarano, riavvicinatosi al Pd alle ultime elezioni regionali.

Per quanto concerne le Municipalità, invece, bisogna tenere i fari puntati sulla Prima, quella comprendente Chiaia e Posillipo, in pratica tutto il circondario delle zone “bene” della città. La Prima Municipalità è storicamente una roccaforte del centrodestra (il centrosinistra lì non ha mai vinto) e nel quartiere generale di Manfredi lo sanno bene. Tra le ipotesi di candidatura a presidente, quindi, non sarebbe da scartare quella di un profilo di “centrodestra”, magari già conosciuto sul territorio. Non è un caso che l’edizione odierna del Mattino descriva la presidenza di Municipalità ad appannaggio della lista di Lanzotti.

In virtù di tale eventualità, secondo alcuni ben informati, l’avvocato penalista Mario Mele– già candidato alle ultime regionali con Forza Italia, in cui ottenne 579 voti- pare abbia fatto richiesta allo stesso Lanzotti di essere candidato a presidente della Municipalità di Chiaia-Posillipo. Dallo staff di Manfredi fanno sapere che al momento il nome di Mele non è un’ipotesi contemplata, e che si riserveranno prima di valutare altri nomi. Nel campo avverso, il centrodestra- in attesa dell’incontro dei rappresentanti della diverse liste con il candidato a sindaco Catello Maresca– sta valutando se riconfermare o meno l’uscente Francesco De Giovanni, o se candidare il dirigente locale di Fratelli d’Italia, Luca Ferrari, già consigliere comunale di Alleanza Nazionale.

© Copyright Emiliano Caliendo, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03