RENZI SPARA A ZERO SU CONTE: “IL RE E’ NUDO, LA DEMOCRAZIA NON E’ UN REALITY SHOW”. GLI SCENARI

0
458 Visite

Il tentativo di Conte per ora è fallito. Matteo Renzi non ha bluffato e ha ritirato dalla maggioranza le sue ministre. Nel corso della conferenza stampa, pur tenendosi ancora le mani libere, l’ex premier non ha lesinato critiche a Conte. Ora cosa accadrà? Un Conte ter con il partito di Renzi che ne uscirebbe notevolmente rafforzato in termini di presenza nell’esecutivo o un altro premier. Elezioni escluse da tutti.

“E’ stato creato «un vulnus nelle regole del gioco, delle regole democratiche. Il re è nudo – continua – Risolviamo i problemi. Pensare di risolvere con un tweet, post o su instagram è populismo. La politica richiede il rispetto delle liturgie della democrazia. Poiché c’è la pandemia occorre rispettare le regole democratiche». «Questo è il punto fondamentale: non giochiamo con le istituzioni, la democrazia non è un reality show dove si fanno le veline. Questo prevede la nostra Costituzione che non è una storia su instagram».

«Nell’affermare la fiducia incrollabile in Mattarella – continua – pensiamo si debbano affrontare i tre punti cardine che le ministre e il sottosegretario hanno posto a Conte».

«Abbiamo chiesto tre questioni al premier. Il primo è di metodo: non consentiremo a nessuno di avere pieni poteri, abbiamo fatto un governo per non darli a Salvini», sottolinea, attaccando «l’utilizzo in modo ridondante delle dirette tv, quello discutibile della delega ai servizi». «Se c’è un’apertura politica vera, si misura in Parlamento non in un angolo di una piazza. Abbiamo fatto i tavoli politici, se vuoi fare un’apertura vera la fai sui contenuti».

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03