La beffa per gli imprenditori dell’area Pip di Marano: richieste di pagamento (fitto) sia dal Comune che dalla curatela giudiziaria. “A chi dobbiamo pagare?”

0
1.880 Visite

A chi versare il canone di locazione per i capannoni dell’area Pip? Al Comune di Marano o alla curatela giudiziaria? E’ il dubbio che assilla da diversi mesi gli imprenditori della zona industriale, finita da qualche anno al centro di un’importante inchiesta giudiziaria. Gli imprenditori, almeno coloro che versavano un canone di affitto alla Iniziative industriali di Sant’Antimo, oggi gestita da un amministratore giudiziario, si sono visti recapitare due richieste di pagamento. Da un lato c’è il Comune di Marano, che due anni fa – “per accertate inadempienze contrattuali” – ha revocato l’appalto alla società dei fratelli Aniello e Raffaele Cesaro e pretende oggi il versamento dei canoni; dall’altro, invece, le richieste avanzate dalla curatela giudiziaria, che non ha mai riconosciuto gli atti e i provvedimenti di rescissione contrattuale emessi dall’ente cittadino. “Siamo alla follia pura di nervi – spiega il titolare di un’azienda – Tra di noi c’è chi ha scelto di pagare il Comune e chi, invece, pensa sia necessario continuare a versare il dovuto agli amministratori giudiziari. Qualcuno, invece, ha optato per la terza scelta: non pagare né l’uno n’è l’altro”.

Tra il Comune e la Iniziative industriali di Sant’Antimo, che nel 2004 si aggiudicò l’appalto per la realizzazione dell’area Pip, è ormai scontro aperto. Una querelle che da mesi si trascina anche nelle aule dei tribunali e che si esaurirà, verosimilmente, tra qualche giorno, quando i giudici di Napoli nord decideranno se gli atti emanati dall’ente comunale sono legittimi o se gli imprenditori dovranno continuare ad interagire con la curatela giudiziaria.

C’è poi un altro grande problema, quello dell’esposizione con le banche che potrebbero, in alcuni casi, aggredire gli imprenditori e riprendersi i capannoni.

© Copyright Fernando Bocchetti, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti