GIUDICE DI PACE MARANO, CHIESTA LA SOPPRESSIONE DELL’UFFICIO. LA NOTA E’ FIRMATA DAL PRESIDENTE DEL TRIBUNALE NAPOLI NORD. DI FENZA: “E’ ASSURDO”

0
4.717 Visite

Il presidente del tribunale Napoli nord, Luigi Picardi, in una nota al ministero della Giustizia ha chiesto la soppressione dell’ufficio del Giudice di pace di Marano. I motivi sono quelli più volte elencati dal nostro sito e attengono alla suddivisione delle spese dei comuni che aderiscono alla convenzione, alla mancanza di personale e alle carenze strutturali, certificate anche dall’ufficio tecnico di Marano, che ha segnalato il contingentamento degli accessi al presidio, dove si sono registrate – a seguito di sopralluoghi – diverse anomalie.

A tutto questo si aggiunge il caso Cavallo, ovvero i soldi che il Comune deve dare ai privati che si sono impossessati (con un’azione giudiziaria) dei due terzi della palazzina.

Segue la nota del consigliere regionale Pasquale Di Fenza:

Apprendo con grande stupore ed indignazione che il Presidente del Tribunale di Napoli Nord abbia chiesto al Ministero della Giustizia la soppressione dell’Ufficio del Giudice di Pace di Marano di Napoli. Ad affermarlo in una nota è Pasquale Di Fenza, Consigliere Regionale in Campania. È inaccettabile che un azione così forte venga presa senza informare le istituzioni coinvolte, e vada in deroga alla volontà politica espressa dai Comuni convenzionati e dai rappresentanti sovracomunali, nel corso delle varie riunione degli ultimi tempi. La stessa decisione rischia di avere ricadute spaventose. Giova ricordare che l’Ufficio del Giudice di Pace rappresenta un importante presidio di legalità e garantisce alla cittadinanza un servizio essenziale, come quello della giustizia. Inoltre non oso immaginare come si possa ingolfare l’Ufficio del Giudice di Pace di Napoli Nord con le cause che inevitabilmente dovranno essere gestite dallo stesso. Tutto ciò rallenterebbe i tempi della giustizia, che sappiamo essere in Italia già dilatati. Un atto di imperio che non tiene conto degli impegni messi nero su bianco dai Sindaci. Abbiamo più volte ribadito che sarebbe utile ed opportuno dislocare l’Ufficio del Gdp piuttosto che sopprimerlo. Sullo stabile di Via Nuvoletta ci sono diversi problemi di carattere amministrativo e strutturale, ne siamo perfettamente a conoscenza, ma bisogna fornire alla popolazione interessata e alla platea fruitrice, quindi avvocati e cittadini, una soluzione alternativa. Altrimenti si rischia di apparire insensibili e poco attenti alle esigenze dei territori dell’area nord – prosegue Di Fenza – pertanto sentito il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli Nord, congiuntamente ad esso, si invitano i Sindaci ad intraprendere ogni iniziativa che possa scongiurare la chiusura di un presidio di legalità così importante per la città di Marano e per i comuni interessati. Mi schiererò al loro fianco perché credo fortemente che si debba assicurare continuità al servizio fornito dall’Ufficio del Giudice di Pace, non importa dove ma bisogna far sì che non si perda definitivamente. Conclude Di Fenza.

© Copyright Fernando Bocchetti, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03