Marano Pip, il Comune stipula (con grave ritardo) contratti di fitto con 8 operatori

0
2.199 Visite

Il Comune di Marano ha stipulato nella giornata di oggi otto contratti con gli affittuari dei capannoni dell’area Pip di via Migliaccio. L’ente Comunale, che aveva rescisso il contratto con la società iniziative industriali di Sant’Antimo, avrebbe potuto già da tempo eseguire tale operazione. La stessa era stata richiesta nei mesi scorsi dall’avvocato convenzionato dell’ente, l’avvocato Raffaele Manfrellotti. D’ora in avanti dunque gli affittuari verseranno un canone al Comune e non più alla società dei fratelli Cesaro, oggi in regime di amministrazione giudiziaria. Una mossa forse tardiva quella del Comune di Marano, poiché la vicenda è già finita al vaglio degli ispettori della Prefettura che nei giorni scorsi hanno consegnato la relazione che potrebbe portare allo scioglimento del Municipio per infiltrazioni della criminalità organizzata. Il Comune riceverà mediamente dagli affittuari all’incirca  2.000/2.500 euro al mese. Se lo avesse fatto nei mesi scorsi, così come sollecitato da Manfrellotti, avrebbe incamerato circa 120mila euro, non spiccioli per un ente attualmente in dissesto finanziario.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti