La scuola lo rifiuta, lui si presenta con la pistola

0
206 Visite

La scuola lo rifiuta, ma lui ci va lo stesso, perché lì c’è la sua fidanzatina. Mentre se ne va, insieme a suo fratello e ai suoi due amici, alza il braccio al cielo e brandisce una pistola. Non dice niente, ma il messaggio è chiaro: «Qui comando io». E chi conosce quel ragazzino, a Casal di Principe, sa che non c’è bisogno di parlare per conferire a quel gesto una simbologia tutta «casalese». Il ragazzino protagonista della scorribanda all’Istituto tecnico «Carli» è il nipote di un boss della mala locale.

La vicenda, assurda e inquietante, risale a due giorni dopo il blitz che ha decapitato quelle che la Dda ha definito le «nuove leve» dei Casalesi. Una retata con 42 arresti e due nomi «eccellenti»: uno è quello di Walter Schiavone, figlio del boss Francesco «Sandokan», l’altro è quello di Mary Venosa, figlia dell’ex reggente, oggi pentito, dell’omonima cosca confederata ai Casalesi. E, la settimana scorsa, in carcere sono finite le figlie del boss Francesco Bidognetti. Risultati eccellenti in termini repressivi, che però il procuratore aggiunto della Dda di Napoli, Giuseppe Borrelli, commentava così: «La camorra non si esaurisce, si rigenera ciclicamente, mai abbassare il livello di attenzione».

Non un presagio, ma una visione analitica di un territorio dove la malavita è anti-cultura incacrenita. Ma è solo una delle chiavi di lettura dell’inquietante episodio del quale sono ritenuti responsabili il nipote del camorrista, suo fratello e altri due ragazzini. Hanno tra i quindici e i sedici anni. Hanno il coraggio di entrare in una scuola con una pistola a salve priva del tappo rosso, di quelle che all’apparenza sembrano armi vere. E vera è sembrata quella pistola ai professori che hanno assistito alla scena.

Terrorizzati, mentre il ragazzo alzava l’arma e si allontanava, scortato dagli altri adolescenti, attraversando lentamente il cortile della scuola. Gli insegnanti devono aver temuto per l’incolumità propria e degli alunni. Hanno chiamato i carabinieri. Ieri tre dei quattro protagonisti della vicenda sono stati identificati. Solo il nipote del boss, unico ad aver brandito l’arma, è stato denunciato alla procura dei minori per la pistola modificata. Gli altri, nel concreto, non hanno commesso alcun reato.

I genitori del ragazzino, che a quanto pare sono entrambi incensurati nonostante uno dei due sia figlio del boss, convocati in caserma si sono mostrati dispiaciuti per quanto accaduto. L’episodio è stato segnalato ai servizi sociali.

 Il Mattino
© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03