Marano, il Consiglio Comunale approva il rendiconto di gestione 2019

0
725 Visite

Nella seduta consiliare di questa sera sono stati approvati il rendiconto e il disavanzo di amministrazione della gestione esercizio dell’anno 2019. Di seguito i punti salienti:

Il punto successivo alla mozione su Della Corte prevedeva il rendiconto della gestione esercizio 2019, cioè il consuntivo dell’anno precedente. L’assessore al bilancio, Davide Di Luccio, ha illustrato il rendiconto 2019: “Tale atto fotografa lo stato patrimoniale dell’ente in maniera chiara e incontrovertibile, tant’è porta un disavanzo di 5 milioni, figlio di molteplici cause, ossia fattori esogeni e endogeni: fattori esogeni cioè quelli che non sono causati dalla nostra amministrazione. Dal 2015 sono cambiate le norme sulla redazione degli atti di contabilità pubblica e siamo passati al sistema di armonizzazione, l’applicazione di tale norma ci ha portato a un disavanzo negativo. Seconda causa esogena riguarda la scarsa capacità di pagamento che ci troviamo ad avere nel nostro territorio. Fattori endogeni, invece, riferiti alla nostra amministrazione, riguardano il disavanzo costituito da crediti non incassati per quanto riguarda l’acqua e la tari e questo influisce sul bilancio. L’ente non ha inviato le fatture dell’acqua e questo ci ha portato ad avere un incassato medio molto basso. C’è poi il problema dell’ESTERNALIZZAZIONE DELL’ACQUA CHE GARAVA SUL BILANCIO comunale. Occorre spalmare il debito nei successivi tre anni, reperire fondi dal nostro bilancio”.

Dopo la spiegazione dell’assessore è stato aperto il dibattito e ha preso la parola il consigliere Abbatiello. Riportiamo in sintesi le sue parole: “Sono d’accordo sul rendiconto che fotografa la situazione di dissesto dichiarato ad ottobre 2018. La Commissione che ci ha preceduto ha messo in campo due ricette: lotta all’evasione e dismissione del patrimonio immobiliare del comune. Che cosa facciamo, dunque, contro la lotta all’evasione? La mia domanda si riferisce al rendiconto futuro. Tra dieci giorni noi andiamo a votare il bilancio di previsione. Prima del bilancio bisognava indirizzare queste misure di risoluzione. Inoltre abbiamo mille pratiche di condono giacenti presso il Comune, cosa si intende fare per rilasciare queste licenze?”. Interviene il consigliere di maggioranza Coppola: “Con le sole licenze non è che il Comune riesce a togliere i debiti, ma deve fare quello che manca cioè fogne, illuminazione e via discorrendo. Quindi i cittadini hanno diritto ad avere licenze e condoni, ma non direi che con le mille pratiche ferme noi togliamo i debiti a Marano, non li toglieremo mai i debiti di Marano con le licenze e i condoni”.

Dopo il dibattito si è passati alla votazione ed il rendiconto è stato approvato con 14 voti favorevoli, nessun astenuto e 4 contrari, ossia i consiglieri Carandente, Abbatiello, Fanelli e Catone.

Si è conclusa la seduta con l’ultimo punto dell’ordine del giorno che riguardava il disavanzo di amministrazione dell’esercizio 2019, approvato con 14 favorevoli e tre contrari, ossia i consiglieri Fanelli, Abbatiello e Carandente.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03