Marano, la “strana” alleanza tra Potere al popolo, il sindaco e il Pd. Uno propone, gli altri eseguono. I comunisti non muovono critiche a Morra e al Comune più disastrato del circondario. Ecco perché

0
1.288 Visite

Potere al Popolo chiede, il Pd e il sindaco eseguono. E’ da mesi che va avanti la liaison, il feeling tra il partito politico più radicale d’Italia, Potere al Popolo, e il partito più moderato della sinistra italiana, ovvero il Pd. Marano, regno dell’impossibile, è la città, forse l’unica in Italia, dove Potere al Popolo e il Pd – o comunque alcuni suoi rappresentanti – vanno quasi a braccetto. Potere al popolo – che alle ultime amministrative non si alleò con Sinistra Italiana poiché ritenuta troppo vicina al Pd – propone mozioni, ma non avendo rappresentanti in Consiglio comunale, a farsene carico è il Pd, soprattutto grazie al via libera di sindaco e al consigliere Di Luccio. Era accaduto già nei mesi scorsi (per la vicenda israelo-palestinese) e ora è accaduto con Assange, che ha ricevuto la cittadinanza onoraria su proposta di Pap e il via libera del Consiglio comunale.

Potremmo scrivere fiumi di parole sulla questione palestinese, ricordando agli amici di Pap che a non volere lo stato di Palestina sono stati gli arabi e non gli israeliani (basta documentarsi bene), che c’è stato un 7 ottobre, che Hamas nulla a che vedere con la causa palestinese (Hamas vuole solo distruggere lo Stato di Israele), che Assange non è un giornalista vittima di querele per diffamazione, a volte pretestuose, come accade a tanti giornalisti italiani, ma un uomo che ha diffuso file segretissimi e informazioni riservate, alcune delle quali attinenti alla sicurezza nazionale di alcuni stati occidentali.

Potremmo scrivere tanto, ma a che servirebbe. Morra è così pieno di sé ed è così sfacciatamente antidemocratico (parla solo con chi dice lui e non si confronta con la stampa libera), ma ci limitiamo alla sfera locale: Potere al Popolo e Pd hanno siglato una sorta di accordo e l’accordo non è frutto di una visione politica comune (anche se il sindaco di Marano, Matteo Morra, in tema di politica estera ha una visione molto simile a quella di Pap), ma è forse frutto di amicizie e rapporti di lungo corso. Uno dei massimi esponenti locali di Potere al popolo, infatti, ha fondato un giornale e lo ha gestito a lungo con l’attuale addetto stampa del primo cittadino. I due si conoscono, frequentano e hanno firmato, con ogni probabilità, un patto di non belligeranza. Potere al popolo, infatti, è l’unico partito locale che non muove una critica a Morra e alla sua pessima giunta. Strano, ma vero: nel comune più disastrato dell’area a nord di Napoli, i comunisti puri e duri (almeno così dovrebbero essere) non dicono una parola. Strano? No. E’ frutto di quanto scritto in precedenza.

© Copyright Fernando Bocchetti, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti