Gli Abbinante dietro il delitto Ardimento. Fu ucciso per un commento contro “i maranesi”

0
1.652 Visite

Vincenzo Ardimento fu ucciso per una parola di troppo, indirizzata agli uomini del clan Abbinante, originari di Marano. “Sono cafoni di Marano». Fu questa la frase che avrebbe condannato a morte l’uomo, freddato in via Fratelli Cervi, nel giugno del 1999. Per quell’omicidio, due giorni fa, è stata eseguita in carcere a Catanzaro, dove è detenuto, un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Francesco Abbinante, figlio del capoclan “Papele”. La svolta è arrivata con le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, in primis Salvatore Musolino, affiliato ai Di Lauro, che ha ricostruito le fasi del delitto, chi vi partecipò, e accusato gli Abbinante di aver orchestrato il tutto. Ardimento fu ucciso per quel commento non gradito. Gli Abbinante, secondo il pentito, vollero vendicarsi e convocarono un summit in cui sancita la sua condanna a morte. 

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti