Napoli, arrestato Peppe Lo Russo: era al vertice del clan dei “Capitoni”

0
1.386 Visite

Per delega del Procuratore della Repubblica f.f., si comunica che la Polizia di Stato questa mattina ha eseguito un provvedimento di fermo emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli a carico di LO RUSSO Giuseppe[1], alias “Pepp ‘o Capitone”.

Lo stesso, vertice dell’omonimo clan LO RUSSO, egemone nei quartieri di Miano, Chiaiano, Piscinola e Marianella, fratello dei noti collaboratori di giustizia Mario, Salvatore e Carlo, è stato detenuto ininterrottamente dal 24 luglio 1998 sino ad oggi, scontando circa 25 anni di reclusione per associazione camorristica, omicidio, estorsione e reati in materia di stupefacenti.

L’attività trae origine dalla delega della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli a riscontro di dichiarazioni di collaboratori di giustizia cui ha fatto seguito l’emersione di gravi indizi di colpevolezza a carico di LO RUSSO Giuseppe in ordine agli omicidi di DE CARO Angelo, nato a Napoli il 04.06.1959, ucciso a Napoli in via Gherardo Marone il 6.06.1990 e di BEVILACQUA Pasquale, nato a Napoli il 6.2.1953, assassinato a Napoli in via Cupa Coppa di Chiaiano il 6.02.1991.

Inoltre, da indagini in corso è emersa la volontà di LO RUSSO Giuseppe di darsi alla fuga una volta scarcerato: pertanto la Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli ha emesso nei suoi confronti un decreto di fermo per i suddetti omicidi, aggravati dal metodo mafioso.

Il provvedimento eseguito è una misura precautelare, disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione. I destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e da ritenere innocenti fino a sentenza definitiva.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti