Morì fulminata in vasca, indagati cinque imprenditori: quattro di origine cinese

0
883 Visite

Cinque imprenditori, di cui quattro di origine cinese, sono indagati per la morte di Maria Antonietta Cutillo, la 15enne che lo scorso 2 maggio morì fulminata nella vasca da bagno a Montefalcione, in provincia di Avellino. I cinque in sostanza sono accusati di aver fabbricato caricabatterie di scarsa qualità, che avrebbero causato la morte della ragazza. Non solo: oltre alle accuse, le autorità hanno anche sequestrato centinaia di caricabatterie già prodotti dalle aziende dei cinque e che stavano per essere immessi sul mercato: sono tutti molto pericolosi, potenzialmente mortali, come già avvenuto.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti