Giuseppe Conte colpito al volto in piazza durante un evento elettorale. Le misure restrittive anticovid alla base del gesto

0
1.035 Visite

All’arrivo in piazza a Massa per un evento elettorale, il presidente del Movimento 5 stelle, Giuseppe Conte, è stato come spesso avviene circondato da una folla di sostenitori. Un uomo si è avvicinato fingendo di volergli stringere la mano, ma poi lo ha poi colpito sul volto iniziando a inveire contro le misure di contenimento e protezione introdotte durante l’emergenza pandemica, quando Conte era presidente del Consiglio.  L’aggressore è stato allontanato dalle forze dell’ordine.

L’aggressore è un candidato alle comunali In lista con “Massa insorge. Marco Lenzoni sindaco”.’ Si chiama Giulio Milani, 52anni, editore, no vax e anche candidato alle prossime comunali, il presunto autore, secondo quanto si è appreso, dell’aggressione a Conte al suo arrivo oggi a Massa, prima tappa del tour per le amministrative del leader del M5s oggi in Toscana. In un video che gira sui social si vede Conte che viene avvicinato da un uomo che sembra volerlo salutare ma che invece lo colpisce con la mano al volto, venendo poi allontanato dai presenti che gli urlano cosa fai. L’uomo è stato poi portato in questura.

Da quanto si apprende per MIlani dovrebbe scattare una denuncia per le ipotesi di reato di percosse e per l’articolo 342 del codice penale, oltraggio a un corpo politico, amministrativo o giudiziario.

L’episodio è stato riferito da una note del movimento. “Il dissenso è legittimo, ma questa manifestazione violenta esula dal contesto democratico“, ha dichiarato in seguito il presidente pentastellato, “quando ci si assume una responsabilità di governo si prendono decisioni difficili in momenti di grande difficoltà per l’intero paese, come accaduto durante la pandemia. Non si può accontentare tutti nonostante si lavori al bene di tutti. Il signore che mi ha aggredito, che è un no vax convinto, ha dimostrato con il suo gesto violento che questo tipo di derive sono fatte da persone irresponsabili. Se avessimo seguito le loro indicazioni probabilmente oggi saremmo una comunità completamente distrutta“.

“Esprimo solidarietà al presidente del M5S Giuseppe Conte. Ogni forma di violenza va condannata senza esitazione. Il dissenso deve essere civile e rispettoso delle persone e dei gruppi politici”. Lo afferma la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, “Sono vicina a Giuseppe Conte e a lui esprimo la solidarietà mia e di tutta la comunità del Partito Democratico per l’aggressione subita oggi in Toscana”, lo afferma in una nota la segretaria del Partito democratico, Elly Schlein. Numerosi e immediati sono stati gli attestati di solidarietà da ogni parte politica, da Matteo Salvini a Carlo Calenda, da Antonio Tajani a Nicola Fratoianni.

Una severo giudizio sul gesto arriva anche dal commissario Ue agli Affari Economici Paolo Gentiloni in un tweet: “Squallida e vergognosa aggressione a Giuseppe Conte. Solidarietà e condanna unanime” .

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti