Sciopero benzinai, in provincia di Napoli il solito flop: intanto si va verso la revoca a livello nazionale

0
887 Visite

E’ pari all’80-90% l’adesione allo sciopero dei benzinai, al netto delle precettazioni e di qualche pompa bianca. Secondo fonti Faib, si tratta di circa 12-13 mila punti sui 22 mila circa gestori indipendenti aderenti alle tre sigle che hanno proclamato lo sciopero (Faib, Figisc e Fegicaa) anche se con modalità diverse. L’ultima mediazione è infatti fallita nel tardo pomeriggio di ieri sera. Il tentativo del ministro delle Imprese Adolfo Urso è stato «apprezzato» dai sindacati, ma lo sciopero dei benzinai è scattato lo stesso. Con le tre sigle spaccate sulla durata. La prima, infatti, ha annunciato che la serrata delle pompe di benzina finirà alle 19 di oggi, mentre le altre due hanno confermato i due giorni previsti: quindi giù le serrande fino a domani 26 gennaio. Ieri sera, in alcune città come Napoli si erano registrate lunghe code davanti ai benzinai, nella corsa al pieno prima dello stop scattato alle 19. Molti, però, sono aperti stamani.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti