UCRAINA, MISSILE SORVOLA SITO NUCLEARE

0
1.330 Visite

Ore 14:19 – Kirill: «Scissione Chiesa ortodossa è ingiustificabile»

«La Chiesa ortodossa è il sostegno spirituale di Russia, Bielorussia, Ucraina e di tutti i paesi slavi, e nessuna distruzione dell’unità della Chiesa, anche per scopi politici, può essere giustificata». Lo ha affermato il patriarca Kirill, citato dall’agenzia Tass, dopo una liturgia a Polotsk, in Bielorussia.

Ore 13:06 – Papa Francesco: «Non portate l’umanità alla rovina»

Sono passati «cento giorni dall’inizio dell’aggressione armata all’Ucraina», ricorda il Papa al Regina Coeli, e lancia un nuovo appello «ai responsabili delle nazioni», mai così drammatico: «Non portate l’umanità alla rovina, per favore, non portate l’umanità alla rovina».

Francesco ha sillabato: «Sull’umanità è calato nuovamente l’incubo della guerra che è la negazione del sogno di Dio: popoli che si scontrano, popoli che si uccidono, gente che, anziché avvicinarsi, viene allontanata dalle proprie case». Di qui l’ennesimo appello a fermarsi, «mentre la furia della distruzione e della morte imperversa e le contrapposizioni divampano, alimentando una escalation sempre più pericolosa per tutti». Così il Papa torna a chiedere: «Si mettano in atto veri negoziati, concrete trattative per un cessate il fuoco e per una soluzione sostenibile».

Prima Francesco, arrivato nella Basilica di San Pietro in sedia a rotelle, aveva assistito alla Messa di Pentecoste senza presiederla, a causa del dolore al ginocchio che lo affligge da mesi. Nell’omelia, ha spiegato che «in ogni epoca, lo Spirito ribalta i nostri schemi e ci apre alla sua novità, sempre insegna alla Chiesa la necessità vitale di uscire, il bisogno fisiologico di annunciare, di non restare chiusa in sé stessa». Ma ha messo in guardia anche dalle spinte eccessive in avanti, con un riferimento trasparente al Sinodo in corso da tempo nella Chiesa tedesca: «Lo spirito mondano preme perché ci concentriamo solo sui nostri problemi e interessi, sul bisogno di apparire rilevanti, sulla difesa strenua delle nostre appartenenze nazionali e di gruppo. Lo Spirito Santo no: invita a dimenticarsi di sé stessi e ad aprirsi a tutti.

E così ringiovanisce la Chiesa. Stiamo attenti: Lui la ringiovanisce, non noi. Perché la Chiesa non si programma e i progetti di ammodernamento non bastano». Così ha concluso: «Lo Spirito ci libera dall’ossessione delle urgenze e ci invita a camminare su vie antiche e sempre nuove, quelle della testimonianza, della povertà, della missione, per liberarci da noi stessi e inviarci al mondo».

Ore 12:47 – L’oligarca amico di Putin e gli intrighi con gli architetti milanesi

(Andrea Galli) Le 14.40 dello scorso venerdì 4 marzo. Lo studio di un notaio di Treviglio, in provincia di Bergamo. La Russia ha invaso l’Ucraina da otto giorni quando l’unica azienda italiana (almeno ufficialmente) riconducibile all’oligarca kazako Viktor Kharitonin, amico dell’altro miliardario Roman Abramovic (insieme classificati dagli Usa quali pezzi dirimenti del «cerchio magico» di Putin già nel 2018), passa di mano.

Ore 12:43 – «Sabotaggi e guerra clandestina possono spingere Putin a negoziare»

 Per Douglas London, Putin non può essere convinto a porre fine alla guerra in Ucraina attraverso «concessioni» ma solo mettendolo di fronte «alle conseguenze». Per 34 anni agente del servizio clandestino della Cia, oggi docente alla Georgetown University e autore di «The Recruiter» (Il reclutatore, sottotitolo: «lo spionaggio e l’arte perduta dell’intelligence americana»), London suggerisce che la shadow war, la guerra segreta, è la strategia giusta con lo Zar.

06.00 Kiev, il sindaco conferma: “Esplosioni in due distretti”

Il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, ha confermato su Telegram che la capitale è sotto attacco: “Le esplosioni in particolare riguardano i distretti di Darnytsky e Dniprovsky”. I servizi di soccorso sono già stati attivati e sono sul posto, ha aggiunto il sindaco.

05.25 Potenti esplosioni nella capitale Kiev

Una potente esplosione è stata udita nella capitale ucraina Kiev. Le agenzie locali di stampa riferiscono di diverse testimonianze convergenti. Una colonna di fumo si è levata da un quartiere della capitale. Dall’alba le sirene d’allarme per attachci stanno risuonando in molte città del Paese, inclusa Kiev.

02.30 Governatore Lugansk: “Russi bombardano i ponti”

I russi stanno bombardando i ponti sul fiume Siverskidonetsk per impedire che arrivino rinforzi e aiuti alle truppe ucraine impegnate nella dofesa di Severodonetsk. Lo ha detto il governatore della provincia di Lugansk, Sergej Haidai, ripetendo che i soldati ucraini hanno riconquistato zone della città.

00.20 Ucraina punta a far ripartire i campionati di calcio in agosto

Il presidente Zelensky ha dato il suo via libera, così la federazione calcio ucraina intente far ripartire i massimi campionati di calcio in agosto a dispetto della guerra e dell’invasione russa. Andriy Pavelko, presidente della federazione ucraina, ha detto di aver parlato, oltre che con il presidente, con i vertici di Fifa e Uefa per trovare un modo di far ripartire il calcio maschile e femminile in sicurezza.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti