Maresca, pomeriggio di relax con famiglia e cane al parco del divertimento Edenlandia

0
1.614 Visite
Cátello Maresca ha trascorso un paio di ore assieme alla figlia piccolina, alla moglie e a Lupin (cucciolone di Labrador che hanno adottato), nel parco del divertimento e del tempo libero Edenlandia nel quartiere di Fuorigrotta.
Tra i viali del parco Maresca ha incontrato anche Gianluca Vorzillo, amministratore unico di Edenlandia, per scambiare qualche idea sull’importanza che il parco ha come punto di aggregazione e volano per il rilancio del settore turistico nella zona occidentale di Napoli.
Nei prossimi giorni Maresca intende approfondire ulteriormente le questioni poste da Vorzillo sulle difficoltà a fare impresa a Napoli.
Le dichiarazioni di Maresca:
La riapertura di Edenlandia è un segnale importante di ritorno alla normalità, di incoraggiante ripresa dell’economia della città. Edenlandia non è semplicemente un’azienda privata, è un pezzo importante della storia di Napoli, è il primo parco giochi nato in questo Paese, uno dei parchi a tema un tempo tra i più importanti d’Europa. Napoli deve riappropriarsi di questi simboli e primati, dobbiamo cambiare il racconto di una città piegata su se stessa che assiste ad un declino ineluttabile.
Quando dico che bisogna smetterla di criminalizzare il profitto, che agli imprenditori privati occorre aprire autostrade, consentire loro in una cornice di legalità di fare investimenti sul futuro di Napoli mi riferisco a Edenlandia e a mille altre iniziative che la città che ho in mente sarà capace di fare.
Al quartiere di Fuorigrotta va restituita la vocazione economica del tempo libero e dello sport. Occorre liberare Fuorigrotta dal degrado, rigenerare urbanisticamente quei pezzi di quartiere abbandonati, consentire ai privati di investire sulla realizzazione di Palazzetto dello Sport, luoghi per la musica e armonizzare il tutto con una viabilità decente e un piano parcheggi adeguato.
Edenlandia è solo un primo momento di rinascita di Fuorigrotta. E la mia presenza qui è un modo per testimoniare che credo fermamente nel futuro di questo quartiere cruciale per la rinascita di Napoli. Perché se Fuorigrotta riparte e la meravigliosa vicina area di Bagnoli viene restituita integra ai napoletani, Napoli sarà la locomotiva economica per la rinascita del Sud. Perché il Sud non è la palla al piede ma la più straordinaria delle risorse di questo Paese”.
© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti