Il Pascale ingloba l’Ascalesi: nasce il polo oncologico di Napoli

0
382 Visite

Annessione dell’Ascalesi (Asl Na 1) al Pascale e creazione del Polo oncologico del Mediterraneo: è nero su bianco il decreto commissariale che disciplina tappe, tempi, modi e ogni altro dettaglio di un travaso di funzioni di cui finora si era solo parlato sulla scorta delle poche righe inserite nell’ultima versione del piano ospedaliero. Quest’ultimo ha già incassato i pareri favorevoli dei ministeri della Salute e dell’Economia, affiancanti la Campania nel piano di rientro, ma è ancora da approvare in via definitiva dopo le limature richieste da Roma che la Regione intende condividere al tavolo dei sindacati della dirigenza medica.

Per il trasloco dello storico presidio di Forcella che sorge a ridosso della Stazione centrale di Napoli e dunque deputato a diventare la porta d’ingresso del costituendo il Polo oncologico del Mediterraneo – le date da segnare in rosso sono il 1° aprile 2018 entro cui il manager del Pascale Attilio Bianchi dovrà riformulare il bilancio aziendale sulla scorta della media dei consuntivi degli ultimi tre anni dell’Ascalesi. Quindi il 30 aprile 2018, data entro cui il Pascale e la Asl dovranno firmare un’intesa in cui definire i dettagli organizzativi e il crono programma per consentire l’avvio dell’assistenza all’Ascalesi, sotto le insegne del Pascale, entro il 1° luglio del 2018. Questo sarà il termine temporale della svolta entro cui il presidio di Forcella dovrà essere ufficialmente annesso al Pascale. Entro il 31 ottobre 2018 il Pascale dovrà poi provvedere a riadattare l’Atto aziendale per conteggiare i posti letto, le discipline e il personale passati sotto la sua regia in analogia a quanto impegnerà la Asl Napoli 1.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03