Marano, il Comune s’è desto: intimato lo sgombero agli occupanti del capannone abusivo. Al posto della struttura doveva sorgere una strada finanziata dall’Europa

0
545 Visite

Intimato lo sgombero ai proprietari del capannone abusivo di via Vallesana. Il mancato abbattimento della struttura, già acquisita nel 2013 al patrimonio immobiliare del Comune, ha impedito all’Ente di realizzare una strada finanziata con fondi europei. La realizzazione dell’arteria, che avrebbe dovuto collegare via Marano-Pianura all’area antistante al cimitero di via Vallesana, era contemplata nel programma Piu Europa (fondi Fesr 2007/2013).

L’opera pubblica non ha mai visto la luce e il caso, tra i tanti relativi alle strutture progettate e mai nate sul territorio, è finito nel decreto di scioglimento del municipio per infiltrazioni della criminalità organizzata.

Il Comune, da qualche settimana retto da una commissione straordinaria, ha così deciso di dare un segnale immediato sul fronte del ripristino della legalità. I vigili urbani, dopo anni di impasse amministrativa, si sono recati ieri in via Vallesana e hanno intimato agli occupanti di sgomberare l’imponente capannone. In caso di inottemperanza dell’ordinanza, l’ente cittadino attiverà le procedure per lo sgombero coatto. Un’azione di forza, insomma, che richiederà l’intervento degli agenti del commissariato di polizia di Giugliano e dei carabinieri della locale tenenza. Dopodiché si procederà con gli atti finalizzati alla demolizione. La struttura, completamente abusiva, è stata realizzata molti anni fa su un terreno di proprietà comunale.

© Copyright Fernando Bocchetti, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti