NAPOLI: INCENDIO VENERE DEGLI STRACCI, DOMANI PROCESSO D’APPELLO

0
297 Visite

Accusato dell’incendio della Venere degli Stracci in piazza Municipio a Napoli, domani processo di appello per Simone Isaia. L’autore dell’incendio dello scorso luglio, Simone Isaia, è stato condannato in primo grado a 4 anni di carcere e 4000euro di multa. Nel frattempo, lo scorso 6 marzo, l’opera del Pistoletto è stata rinnovata e inaugurata nuovamente. Sul caso giudiziario, è intervenuto anche Samuele Ciambriello, Garante campano delle persone private della libertà personale: ”Mi auguro che ci sia un ridimensionamento della sentenza di primo grado e messi in campo percorsi di accoglienza e di supporto psicologico”. Secondo il Garante Ciambriello, che ha seguito la vicenda sin dall’inizio, ”la prigionia da mesi di Simone Isaia è una sconfitta umana e sociale per tutti noi. La sentenza di primo grado a 4 anni di carcere è sproporzionata ed eccessiva. Mi auguro che sia ridimensionata domani in appello. Simone è un ragazzo fragile, una persona in difficoltà, ma non pericolosa. Ho visto in questi mesi che gran parte dell’opinione pubblica ha fatto valutazioni obiettive e garantiste sull’argomento. Mi auguro che nella giornata di domani – ha concluso Ciambriello – siano attuati percorsi di accoglienza e supporto psicoeducativo per il giovane Simone. Voglio festeggiare domani, giustizia e libertà per Simone Isaia”.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti