Il coraggio di Vasco: “Se mettessi Palestina libera prenderei molti like, ma dico no alla distruzione di Israele”

0
582 Visite

Il Blasco le canta alla sinistra e ai pro-Gaza. “Io rifiuto di schierarmi come se fosse una partita di calcio, Israele contro Palestina. Gli ebrei, dopo quello che hanno sofferto, hanno diritto a uno Stato. ’Free Palestine’ è un bello slogan, da anime belle; ma se implica la distruzione dello Stato di Israele, allora sarebbe più onesto dirlo. E alla distruzione di Israele io mi ribello”. Lo spiega Vasco Rossi in una lunga intervista al Corriere della Sera. “Leggo cose superficiali, in cui non mi riconosco; io sono semplice, non facile – sottolinea Vasco – Mi hanno dato del sionista, ma io non so neppure cosa voglia dire. So che se mettessi il like a ’Palestina libera’ mi amerebbero tutti; ma io non sono fatto così. Se avessi voluto piacere a tutti, non avrei scritto ’C’è chi dice no o ’Gli spari sopra’. Questo ovviamente non mi impedisce di piangere le vittime civili di Gaza, e di criticare i bombardamenti di Netanyahu, che è pure lui una specie di fascista”.

rivoluzionari da salotto non gli sono mai piaciuti, spiega il cantante; “Mai. Ricordo quelli di Potere operaio: erano tutti studenti; il pomeriggio giocavano alla rivoluzione, la sera tornavano a cena dalla mamma. A diciassette anni vuoi cambiare il mondo: anche io ci credevo, anche io ci ho provato. Poi ho capito che prima di cambiare il mondo dovevo cambiare me stesso. Anziché distruggere il sistema, dovevo creare il mio sistema. Poi certo i ragazzi che scendono in piazza li rispetto”.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti