Movida selvaggia, la Cassazione dà ragione ai cittadini: ora i Comuni tremano

0
1.080 Visite

Comuni rischiano di subire l’effetto domino dopo la sentenza della Cassazione che ha condannato quello di Brescia a pagare i danni per schiamazzi e i rumori, dopo il ricorso presentato da alcuni cittadini, secondo cui quel disturbo alla quiete pubblica era anche nocivo della salute degli stessi residenti.

Una vicenda di dieci anni fa, arrivata adesso al giudizio della Cassazione, che però ora stabilisce un precedente: se i rumori sono troppo forti ed invadenti, e non viene garantito il rispetto alle norme di quiete pubblica, i residenti possono chiedere un risarcimento e il Comune è costretto a pagare. La stessa cosa, del resto, era successa a Torino, prima città italiana ad essere “sanzionata” per questa fattispecie. Lì erano stati 29 residenti, della zona San Salvario, quella appunto della movida torinese, ad avere fatto causa al Comune: hanno vinto il primo grado, ottenendo un risarcimento complessivo da 1,2 milioni di euro (circa 40 mila a residente), sceso poi a 200 mila euro in appello. Il giudizio, adesso, è davanti alla Cassazione.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti