Otto rapine in un mese, le richieste di condanna per 3 giovani

0
925 Visite
Otto rapine in un mese, in un caso un benzinaio fu colpito ripetutamente in testa con una spranga. Si tratta di Francesco Tusa, 34 anni, di Vincenzo Schiavariello, anche lui di 34 anni, e di Gennaro Salinas, 25 anni. I tre giovani, difesi di fiducia dagli avvocati Luigi Poziello, Calogero Montalto ed Alfredo Liguori, hanno scelto di farsi processare con il rito abbreviato dal Giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Nola Dott.ssa Teresa Valentino. Il Pubblico Ministero ha chiesto la condanna per i tre giovani per tutti i capi di imputazione: ⁃ Tusa Francesco chiesti anni 5 mesi 4 di reclusione ed euro 3000 di multa; ⁃ Salinas Gennaro chiesti anni 4 e mesi 10 di reclusione ed euro 500,00 di multa; ⁃ Schiavariello Vincenzo chiesti anni 6 di reclusione ed euro 3.500,00 di multa. La Sentenza verrà emessa il 9 Giugno dopo le arringhe degli avvocati difensori. I fatti: Sono accusati di essere gli autori di ben otto rapine, tutte commesse nel marzo del 2022 nella provincia di Napoli, le tre persone arrestate dai carabinieri di Nola che hanno eseguito altrettante misure cautelari emesse dal gip di Nola.
    I tre, secondo quanto emerso dalle indagini dei militari dell’arma di Saviano, sono entrati in azione in diversi comuni del Napoletano e in uno dei colpi messi a segno, ai danni di un distributore di carburante, colpirono selvaggiamente alla testa uno dei dipendenti con una mazza di ferro. La vittima riportò un trauma cranico e un trauma conclusivo alla mano e al polso sinistro. Tusa e Salinas erano liberi quando sono stati raggiunti dai carabinieri. L’arresto a Schiavariello è stato invece notificato nel carcere dov’è detenuto.
© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti