Pd tra liti, caos e rischio brogli: oggi si vota per le primarie

0
839 Visite

Stefano Bonaccini ed Elly Schlein si sfidano oggi alle primarie del Partito Democratico. Si vota dalle 8 alle 20 nei 5.500 seggi-gazebo allestiti in tutta Italia. Circa 20mila sono i volontari che permetteranno le operazioni di voto.

Ai congressi di circolo che si sono svolti dal 3 al 19 febbraio i votanti sono stati 151.530. Stefano Bonaccini ha ottenuto 79.787 voti, pari al 52,87%, Elly Schlein 52.637 voti (34,88%), Gianni Cuperlo 12.008 voti (7,96%) e Paola De Micheli 6.475 voti (4,29%). Bonaccini e Schlein quindi accedono alle primarie di domani, alle quali potranno votare anche i non iscritti al partito. 

L’ultimo tesseramento del 2021 aveva portato la base del Pd a 320mila tesserati: circa un terzo rispetto ai 900mila del 2009. Ma per domani si tratta di dati più che relativi dato che le primarie saranno aperte al voto di tutti. Nel 2019, quando vinse Nicola Zingaretti, i votanti nel circoli furono quasi 190mila, mentre alle primarie l’affluenza fu di un milione e seicentomila persone. Stavolta le aspettative di partecipazione non sono alte, nel quadro di una generale disaffezione degli elettori alle urne e di una perdita di voti registrata dal Pd negli ultimi anni. Nel partito si spera in un’affluenza tra 800mila e un milione di votanti.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti