Marano, il nuovo sequestro ai Simeoli: è la seconda tranche di un’indagine partita un anno e mezzo fa. Beni non individuati nei vecchi procedimenti giudiziari

0
4.095 Visite

Nella giornata di oggi è stato diramata, dalla Procura di Napoli, una nota stampa relativa al sequestro di quote societarie, azioni, fondi di investimento e conti correnti ad imprenditori legati al clan Polverino. Nello specifico, come riportato nel decreto, il sequestro è operato ai danni di Antonio e Luigi Simeoli, entrambi già condannati in via definitiva. Il provvedimento è stato disposto, da quanto si rileva, anche nei confronti della consorte di Luigi Simeoli, incensurata.

Tra giugno 2020 e oggi sono stati sequestrati ai Simeoli 10 milioni e 500 mila euro in beni mobili e immobili. 500 mila tra lo scorso settembre e oggi. Si tratta, per gli inquirenti, di ricchezze che i Simeoli avrebbero accumulato durante il periodo di adesione al sodalizio dei Polverino. Beni che non finirono a suo tempo nei decreti di sequestro e confisca disposti dall’autorità giudiziaria. In pratica si tratta di un secondo filone all’interno del quale figura anche la scuola di via Puccini (edificio in cui è adibita scuola) e la società che a suo tempo la realizzò.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti