Melito, Comitato Operativo Comunale. “Il dottor Cerrotta è il nuovo referente medico”

0
320 Visite

Dichiarazione del sindaco di Melito, Luciano Mottola: “L’ho detto e non mi stancherò mai di ripeterlo: la lotta Covid è ancora lunga. Bisogna tenere alta l’attenzione per non sprecare i sacrifici fatti in particolar modo nell’ultimo periodo che ci hanno portato ad una posizione di apparente tranquillità nei report dell’Asl Na 2 Nord. È indispensabile la collaborazione di tutti noi sotto la guida attenta del Comitato Operativo Comunale. Il Coc è di fatto il centro di controllo delle attività di monitoraggio e prevenzione anti-Covid che ha tragicamente perso il suo faro nella lotta al virus. Il nostro compianto sindaco Antonio Amente non era solo il primo cittadino di Melito, ma il medico maggiormente impegnato nel contrasto alla pandemia. Purtroppo ben conosciamo il triste epilogo, ma dalla sua ferma volontà di non arrendersi dinanzi a questo maledetto virus, siamo ripartiti. È così ripartito anche il Centro Operativo Comunale che da oggi si avvale della competenza medico-scientifica del dott. Giuseppe Cerrota. Giuseppe è da qualche ora il referente medico all’interno del Coc e si occuperà della gestione e della programmazione di interventi mirati a contrastare il diffondersi del Covid in città ed all’interno delle nostre scuole. Giovane, preparato, concreto e con un curriculum di tutto rispetto, il dott. Cerrota rappresenta a tutti gli effetti un’eccellenza melitese che sono certo metterà tutta la sua professionalità al servizio della nostra città.” Dichiarazioni Comitato Operativo Comunale“In ottemperanza all’incarico conferitomi, in qualità di medico ASL del Centro Operativo Comunale di Melito di Napoli, atto a contrastare la pandemia in corso del COVID-19 e ad adottare misure precauzionali stringenti, al fine di limitare la diffusione del contagio in maniera esponenziale, mi sento coinvolto in prima linea, sia dal punto di vista etico che morale. Tale impegno tende sempre più ad amplificare la forte posizione e la funzione umanitaria che la professione medica quotidianamente impone. Il Covid-19 ha messo a fuoco le nostre difficoltà gestionali nel contenimento di una epidemia incresciosa e subdola, come quella che stiamo vivendo oggi. Ci ha reso consapevoli che l’invincibilità e la conoscenza sono fattori relativi e mai assoluti, e solo la ricerca-azione, il continuo aggiornamento professionale e il pieno coinvolgimento della ricerca scientifica, in sinergia con la coscienza e l’etica di ogni essere umano, possono essere in grado di sconfiggerlo. L’utilizzo dei singoli DPI (dispositivi di protezione individuale), può prevenire sì il diffondersi del contagio da COVID- 19 ma non può, da solo, debellarlo del tutto; senza dubbio il vaccino rappresenta l’arma più efficace, ma allo stesso tempo, in attesa di una vaccinazione di massa, è necessario adoperare misure precauzionali sempre più stringenti contro il diffondersi del virus. Urge, quindi, un lavoro sinergico tra il territorio locale e nazionale volto a sensibilizzare la massa in merito all’utilizzo di tali misure. Questo sarà lo scopo preciso del mio impegno al fine di raccordare le linee guida locali e regionali ed offrire ad ampio raggio il mio contributo sia dal punto di vista etico-morale che da quello informativo, preventivo e curativo. Pertanto, ringrazio il Sindaco di Melito di Napoli, dott. Luciano Mottola, per avermi conferito la gestione dell’emergenza COVID-19 dal punto di vista sanitario, nell’ambito di una commissione multi-disciplinare. Tale impegno, di cui mi onoro, verrà da me perseguito in piena scienza e coscienza e in memoria del commemorato Sindaco Dott. Antonio Amente.”

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03