Sesso, quei fattori che impediscono alla donna di raggiungere l’orgasmo

0
3.910 Visite

I fattori che impediscono a una donna di raggiungere l’orgasmo (anorgasmia, ossia mancanza di orgasmo) sono molteplici e di diversa natura. “Ci sono donne che, pur avendo un piacere sessuale molto intenso, non riescono a raggiunge l’esperienza orgasmica – spiega Salvatore Caruso, docente di ginecologia e ostetricia all’Università di Catania e presidente della Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica (Fiss) – .Alcune donne, per esempio, hanno paura di lasciarsi andare. “Il loro timore è quello di allontanarsi dal contesto in cui l’esperienza avviene”. Anche l’uso dei farmaci, come quelli psicotropi, ansiolitici e antidepressivi, può ostacolare il raggiungimento dell’orgasmo. Così come alcuni anticoncezionali, per esempio la pillola estroprogestinica, che in alcune donne possono creare difficoltà nell’avere un orgasmo. “Si tratta di contraccettivi che hanno una attività anti-androgenica elevata”, spiega Caruso.

Il dolore

Poi, ricorda l’esperto, c’è tutto il capitolo della sessualità dolorosa, che non permette di raggiungere l’orgasmo. “Pensiamo, per esempio, a tutti quei disagi legati alle infezioni vaginali, tipo da candida o da trichomonas, che producono una sofferenza tissutale per cui il coito diventa doloroso”. C’è, inoltre, la dispareunia, termine che indica il dolore durante i rapporti. “Può essere un dolore iniziale, ossia quando avviene la penetrazione, e più superficiale dovuto a diversi fattori, come uno spasmo, la paura di farsi male, o l’esperienza da parto traumatico”, spiega Caruso.

“Oppure un dolore più profondo, che avviene durante il rapporto e quindi a penetrazione avvenuta, che solitamente è dovuto a stadi infiammatori importanti o all’endometriosi”. Infine, c’è un altro aspetto da evidenziare: l’anorgasmia dovuta alla paura di perdere le urine. “Ci sono donne che hanno un’incontinenza improvvisa durante l’orgasmo”, commenta l’esperto. “Diventano, quindi, anorgasmiche pur avendo rapporti sessuali e si abituano, perciò, a non avere l’orgasmo per evitare la perdita delle urine”.

Disturbi maschili

Oltre all’utilizzo di specifici farmaci che possono ostacolare il raggiungimento dell’orgasmo, gli stessi citati per le donne, ci sono degli ostacoli anche per il sesso maschile. Infatti, anche se un uomo raggiunge l’eiaculazione (soprattutto quella precoce) non significa affatto che raggiunga il piacere sessuale. “Questi casi si definiscono come un mancato controllo del vivere il piacere”, spiega Caruso. “Spesso seguiti da una mortificazione dell’uomo, perché in verità è solo una emissione di liquido seminale fine a sé stessa, senza però avere l’esperienza gratificante”.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti