Marano, il Comune bloccato sui rimpasti, gli azzeramenti e le “angiarie”. Ma il Pd lo sa che alla fine resteranno in carica i più scarsi?

0
764 Visite

Ci rivolgiamo al Pd e ai suoi consiglieri, anche quelli che oggi non sono sulle posizioni della segreteria cittadina. Al Pd chiediamo: ma voi cosa volete salvare di questa esperienza amministrativa e come pensate di rilanciarla? Con un azzeramento e un rimpastino di giunta? Ma siete al corrente che, semmai si dovesse arrivare a un rimpasto, in giunta rimarrebbero ugualmente gli assessori più scars? Non vi sfuggirà il fatto che saranno confermati i vari D’Alterio (utile come l’idrolitina), De Nigris (un disastro sull’igiene urbana) e uno tra la Perna e Salvatore Perrotta, volenterosi ma pur sempre assessori che “attaccano sempre il ciuccio dove va il padrone”.

Ma cosa volete fare, cari consiglieri del Pd, con questa squadra amministrativa e con un sindaco che non è capace nemmeno di rispettare la parola data in un civico consesso (“se non recupero i fondi della città metropolitana entro maggio mi dimetto”), che aveva promesso mari e monti sui due mercati, pannino e ortofrutta, che non ha ancora trovato il modo di pagare gli scrutatori delle elezioni da lui vinte e che è circondato sistematicamente da personaggi di bassissimo profilo?

Da settimane vi accapigliate sul rimpasto e sulla presidenza del consiglio comunale. Chi vuole difendere Paragliola, chi vuole andare a casa, chi non vuole andare a casa e chi naviga sott’acqua. Ma non sarebbe più saggio, giusto, etico discutere se continuare a sostenere un tale fallimento? Ma cosa sperate di cambiare in futuro? La testa del sindaco? Pensate realmente che con due nuovi assessori possano cambiare le cose in un ente in disarmo, senza soldi, senza personale, dove comandano in tre e basta.

O tutto questa fibrillazione è da ritenersi solo funzionale all’inserimento in qualche giocata sui fondi Pics? Ma perché, anziché perdere tempo con i rimpasti, non guardate in faccia alla realtà? Ma perché non dite una parola sul caso del Giudice di Pace, sui beni confiscati mai utilizzati (villa Del Core, l’asilo nido di piazzale Dalla Chiesa, le ville dei Simeoli), su quanto accade ogni giorno all’ufficio tecnico? E perché non parlate della questione stagionali nella ditta che gestisce il servizio rifiuti?

L’unico partito rimasto in città ha il dovere morale di fare chiarezza su tante vicende oscure. Scannatevi fra di voi, ma alla fine decidete una volta e per sempre: o sostenete Visconti o ve ne tirate fuori. E se dovete farlo, lo dovete fare in fretta, perché più si avvicinano le regionali e più sarà difficile farlo. Visconti, pessimo amministratore, cercherà di fare leva su De Luca, sulla De Nigris (e i suoi agganci nel Pd napoletano), sul consigliere regionale Chianese e tanti altri per spaccarvi ma tenervi ugualmente dentro. Ma sempre con un ruolo secondario.

© Copyright Fernando Bocchetti, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03