I furbetti dell’Asìa: prima licenziati e poi riassunti. Anche a Marano un licenziato fu incredibilmente reintegrato dalla Tekra

0
1.740 Visite

Licenziati perché assenteisti – e qualcuno anche rissoso tanto da avere aggredito il diretto dirigente – ripescati dopo un ricorso e una trattativa lampo con i sindacati. Delle due l’una: o chi ha deciso i licenziamenti ha sbagliato prima oppure dopo, mettendosi in casa i classici «furbetti. Da qui non si sfugge. E non è l’unico caso che si registra in Asìa, l’Azienda per la raccolta rifiuti del Comune. Un caso più o meno analogo si è verificato anche a Marano, dove un operatore ecologico, licenziato dalla Teknoservice per aver sversato ingombranti in strada, è stato reintegrato dalla Tekra nonostante il procedimento dinanzi al giudice del lavoro avesse visto l’operaio soccombere. L’ufficio igiene del Comune, diretto dall’ingegnere Di Pace, informato con diversi articoli e per altri canali, non ha mai chiesto formali spiegazioni all’azienda concessionaria dell’appalto comunale né risulta che abbia avanzato altri tipi di richieste.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti