Il mondo a tavola. Dolcemente Lorena, tra scrigni d’arte e paesaggi romantici: ecco la Quiche Lorraine

0
3.489 Visite

Ai confini con la Germania e con un tormentato passato storico, la Lorena è terra d’arte e di buona cucina. La natura in queste terre si erge incontrastata e presenta colori forti, che disegnano paesaggi indimenticabili. Girando per i tre parchi nazionali, si possono toccare valli, cime e colli profumati di erbe aromatiche e fiori spontanei, ma oltre, attendono città affascinanti: Metzs, in Mosella, dove c’è la cattedrale con le grandi vetrate di Chagall, e si può visitare la casa natale di Paul Verlain, camminando per le strade accompagnati dal profumo del pane, ad ogni ora del giorno e della notte. Nancy, bella regale e golosa antica capitale, mostra i suoi palazzi dai balconi e cancelli di ferro battuto e ottone, ci ricorda di aver dato origine all’Art Nouveau, sotto l’impulso di Emile Gallé, maestro vetraio ed ebanista. Verdun, che custodisce la grande Cathedrale de Notre Dame, ci aspetta per offrirci i suoi confetti, opera di un pasticciere del posto che nel 1220 scoprì il couche de sucre, a base di miele, zucchero e mandorle. Nelle trattorie, che in Lorena sono il luogo di ritrovo per eccellenza, un bicchiere di Mirabelle, un’acquavite ricavata dall’omonima varietà di susina, color giallo dorato, accompagna spesso una porzione di quiche lorraine, caratteristica torta salata che porta nel mondo il nome di questa regione. Questa torta versatile, che può essere preparata con farciture diverse, ha una versione tradizionale, a base di formaggio, prosciutto e panna:
Quiche lorraine:

Per la pasta:
250 gr di farina 00
125 gr di burro
1 pizzico di sale, 1 uovo
Per il ripieno:
50 gr di prosciutto cotto in unica fetta
100 gr di prosciutto crudo taglaito a fette sottili
3-4 cipolle
1 mazzetto di erbe aromatiche
3 spicchi di aglio
4 uova
200 gr di groviera
200 gr di panna
Preparazione
Per prima costa si impasta la pasta brisè disponendo la farina a fontana e inserendo al centro il burro molto freddo a pezzettini e l’uovo. Si crea velocemente un impasto che, disposto a forma di palla, va lasciato riposare per circa 1 ora. Si tagliano intanto a dadini i prosciutti, si sbucciano e tritano finemente le cipolle, le erbe lavate e asciugate e si mescola il tutto in una ciotola, con le uova, il formaggio grattugiato, l’aglio spremuto, e il sale e il pepe. A questo punto si prepara con la pasta una sfoglia e si fodera uno stampo di porcellana da forno. Vi sarà a questo punto una precottura in forno preriscaldato a 180° di circa dieci minuti. Poi si estrae dal forno il ruoto, si versa il ripieno sulla sfoglia e infine si ricopre tutto con la panna liquida. La cottura sarà di 35 minuti circa. La quiche va servita tiepida.

© Copyright Redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TERRANOSTRA | NEWS
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti

ads03