Una medaglia d’oro e tre di bronzo per tre napoletani all’ “Open Basilea 2023”. Tra gli atleti la campionessa Mangiacapra delle Fiamme Oro della Polizia di Stato

0
706 Visite

Napoli. Sono iniziati con i migliori auspici, dopo la pausa estiva, le competizioni per gli atleti dell’ASD Universal Center di Napoli, presieduta dal Maestro Lello Andreozzi. Sabato scorso, nella suggestiva cornice del Canton Basilea-Città, in Svizzera, la città bagnata dal fiume Reno, si è tenuto il famigerato Torneo Internazionale di Karate “Open di Basilea 2023”. La squadra maschile e femminile dell’Universal Center, guidata dal Maestro Ciro De Francesco – Sesto Dan, allenatore della Nazionale Giovanile Italiana (allievo del Maestro Andreozzi), ha sventolato orgogliosamente la bandiera italiana per ben cinque volte sui podi più alti, incidendo il nome del nostro Paese altrettante volte nel medagliere. Questa competizione, di altissimo livello e di indiscusso valore internazionale, ha messo in mostra giovani talenti in un torneo in cui tutti hanno brillato. Il gentil sesso ha dato il suo contributo grazie alla guida del Maestro De Francesco, supportato dagli imprescindibili e sempre preziosi tecnici Serino Salvatore Senior, Giuseppe Strano ed Imma Salerno. Sul podio, per i ragazzi, si sono piazzati Salvatore Serino junior, giovanissimo, e Francesco Avolio, quest’ultimo conquistando la medaglia di bronzo. Mentre per la squadra femminile, Myriam Ariosto e Marialuigia Cocca si sono aggiudicate due medaglie di bronzo, anche se avrebbero meritato di più. Luigi Pignatiello ha arricchito il palmares con un quinto posto, sfidando il campione del mondo in carica e dimostrando il proprio valore. Gli altri ragazzi, anche se non sono saliti sul podio, hanno comunque dato il massimo. Purtroppo, l’inesperienza della loro prima competizione, l’emozione e alcuni eventi sfavorevoli hanno determinato un risultato meno fortunato, che sicuramente sarà ribaltato in futuro. Inoltre, il prestigio del torneo è stato arricchito dalla presenza della campionessa plurimedagliata Alessandra Mangiacapra (cresciuta tra le fila dell’Universal Center ed ora in forza alla Polizia di Stato italiana), che ha conquistato a sua volta una medaglia d’oro. Il Maestro De Francesco ha evidenziato che il valore aggiunto dei suoi studenti è lo spirito di squadra, un elemento indispensabile e fondamentale in un ambiente in cui i giovani crescono come squadra e gruppo. Questi due termini, sebbene simili, sono fondamentalmente diversi ma si fondono in uno, creando qualcosa di raro: la coesione, in cui non c’è un leader studente “primus inter pares”, ma una squadra in cui uno studente più avanzato si ferma ad aspettare e aiutare un amico o un’amica che sta indietro, contribuendo alla loro crescita e miglioramento. Il loro dojo si trova in un quartiere difficile, dove rappresenta un faro in quanto lì nessuno viene mai lasciato da solo, sia nei momenti positivi che in quelli negativi. Lí si ascolta non per rispondere, ma per capire, incarnando sia nella semplicità dei piccoli gesti quotidiani sia nella magnificenza dei successi sportivi che il famoso morto, essenza di vita, di Alexander Dumas: “uno per tutti e tutti per uno!”.

Di Angelo Covino
© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti