Migranti: Meloni, se crolla la Tunisia rischio di 900mila rifugiati

0
"Patto per la terza età. DDL sulla Giustizia. Progetto Stazioni sicure. Incontri in Algeria e Libia per fare dell’Italia l’hub energetico d’Europa. Contrasto all’immigrazione irregolare. Aggiornamento sul lavoro del Governo. #gliappuntidiGiorgia" così un tweet della premier Giorgia Meloni, 29 gennaio 2023. TWITTER GIORGIA MELONI +++ ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA+++ NPK +++
660 Visite

“Se la Tunisia crolla del tutto si rischia una catastrofe umanità, con 900mila rifugiati”. Lo ha detto – stando ad un’alta fonte europea – la presidente del Consiglio Giorgia Meloni prendendo la parola al Consiglio Europeo ora che la discussione si è spostata sui migranti. Dopo di lei sono intervenuti i premier di Olanda e Cipro.

E’ un tete-a-tete senza delegazioni quello che è in corso tra Emmanuel Macron e Giorgia Meloni all’hotel Amigo, nel centro storico di Bruxelles. La presidente del Consiglio e il presidente della Repubblica francese, dopo essere arrivati separatamente in albergo, si sono visti in uno dei piani superiori della struttura per un faccia a faccia esclusivo, iniziato intorno alle 23. E’ il primo bilaterale tra i due, dopo le tensioni scoppiate sulla vicenda migranti e sulla riunione che, lo scorso febbraio, prima del summit dei 27, Macron organizzò con Volodymyr Zelensky all’Eliseo invitando il solo Olaf Scholz. Per una pura coincidenza anche il cancellerie federale tedesco alloggia nello stesso albergo e, dopo il Consiglio, è riunito con il suo staff al bar situato nella hall della struttura.

La presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen è favorevole ad un incremento del numero di ingressi regolari di lavoratori dai Paesi terzi. Lo ha detto, secondo quanto si apprende, nel corso di un intervento al Consiglio europeo menzionando e definendo positiva l’esperienza dell’Italia con i corridoi umanitari.

Von der Leyen è intervenuta anche sul conflitto in Ucraina sottolineando che sull’Ucraina “abbiamo avuto un dibattito intenso, anche con il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres. Un punto che mi è caro è quello dei bambini ucraini rapiti dalla Russia, che ci ricorda i momenti bui di un nostro oscuro passato: ben 16.200 bambini sono stati rapiti. È un crimine di guerra e giustifica pienamente il mandato d’arresto spiccato dall’Aja”.

“Sui migranti “mi aspetto passi in avanti. Posso dire che sono soddisfatta della bozza di conclusioni, che chiede alla Commissione di precedere spedita”, ha detto la premier Giorgia Meloni arrivando al Consiglio europeo a Bruxelles.

Nel corso del dibattito sulle migrazioni, a quanto si apprende da fonti europee, Meloni ha ringraziato la Commissione per il lavoro svolto su impulso del Consiglio europeo di febbraio e per la lettera a seguito della tragedia di Cutro. Meloni, si apprende ancora, ha evidenziato come occorrano azioni rapide e concrete per evitare una situazione in cui le organizzazioni criminali controllano i traffici umani sulle rotte del Mediterraneo. La premier ha anche chiesto il rafforzamento dell’attività Sar e l’avanzamento del lavoro sui rimpatri.

Sul tema a livello europeo c’è “l’impegno a mantenere lo slancio”, fa sapere un alto funzionario europeo precisando che nel corso del Consiglio di oggi – probabilmente nel corso della cena – i leader che lo desiderano prenderanno la parola sulla migrazione e “ci si aspetta” che Giorgia Meloni sia tra questi. Ma non solo. Anche l’olandese Mark Rutte vuole intervenire. Stando a quanto si apprende non ci sarà “un giro di tavolo completo” – che di norma impiega oltre due ore – ma circa 10 leader alla fine potrebbero prendere la parola, con il “sostegno” del Consiglio al confronto.

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti