Processo Pip Marano, ecco la sentenza di primo grado

0
5.137 Visite

Riportiamo il contenuto integrale del dispositivo della sentenza di primo grado in relazione al processo Pip:

Tribunale di Napoli Nord, dispositivo di sentenza:

Il Collegio, nelle persone dei seguenti Magistrati:

Dott. Francesco Chiaromonte

Dott. Marina Napolitano

Dott. Luca Rossetti

ha pronunciato all’udienza del 24 settembre 2021 la seguente sentenza nel procedimento a carico di Cesaro Aniello più altri:

Assolve Cesaro Aniello (nella foto in basso all’articolo) per il concorso esterno in associazione mafiosa e Cesaro Raffaele (nella foto in basso all’articolo) per tutti i capi d’accusa perché il fatto non sussiste.

Dichiara Cesaro Aniello responsabile del reato di falso ideologico e, ritenuto sussistente il vincolo della continuazione, lo condanna alla pena complessiva di anni sei di reclusione.

Dichiara Di Guida Antonio (nella foto in alto all’articolo),responsabile di concorso esterno nel reato di associazione mafiosa e, riconosciute le circostanze attenuanti generiche in misura equivalente alle contestate aggravanti, lo condanna alla pena di anni sette di reclusione.

Dichiara Giannella Oliviero (nella foto in alto all’articolo) responsabile di concorso esterno nel reato di associazione mafiosa e, riconosciute le circostanze attenuanti generiche in misura equivalente alle contestate aggravanti, lo condanna alla pena di anni dieci di reclusione.

Assolve Cesaro Aniello dal reato a lui ascritto, perché il fatto non sussiste.

Assolve Polverino Salvatore e Visconti Antonio dal reato loro ascritto perché il fatto non sussiste.

Condanna Cesaro Aniello, Di Guida Antonio  e Giannella Oliviero al pagamento delle spese processuali e di custodia cautelare in carcere.

Dichiara Cesaro Aniello, Di Guida Antonio e Giannella Oliviero interdetti in perpetuo dai pubblici uffici e interdetti legalmente per la durata principale della pena principale.

Ordina che Giannella Oliviero sia sottoposto, a pena espiata, alla misura di sicurezza della libertà vigilata per anni tre.

Ordina la confisca delle opere di urbanizzazione poste a servizio dell’area PIP del Comune di Marano di Napoli, di cui al decreto di sequestro del 28.11.2016.

 

 

© Copyright redazione, Riproduzione Riservata. Scritto per: TerranostraNews
  • Fascinated
  • Happy
  • Sad
  • Angry
  • Bored
  • Afraid

Commenti